I nostri viaggi

0 posti

Festa della liberazione

Reset password

Gozo: il cammino costiero

Un cammino di sette giorni per fare l’intero giro dell’isola di Gozo sulle orme del Gozo Coastal Walk, tra scogliere e gariga salata.

Partendo da Nadur si cavalcano impressionanti falesie calcaree, meraviglie della geologia (un continuo susseguirsi di archi di roccia, grotte, mari interni e baie remote), facendo capolino tra i villaggi dell’entroterra: dapprima la poetica Victoria, dove la sera le preghiere escono dalle finestre per risuonare tra le viuzze del borgo e della cittadella, poi le pacate Gharb e Ghasri, poste nella parte più rurale dell’isola.
Di nuovo sul litorale, qui intarsiato dall’uomo per crearne sistemi di saline rupestri, tutt’oggi in uso.
L’ultima parte del percorso si snoda tra orti terrazzati che si alternano a profondi canneti, dove la fertilità della terra lotta contro l’arsura del vento. Ci si arrampica verso gli arroccati villaggi di Xaghra, Qala e Nadur per poi scendere di volta in volta in piccole baie dalle sabbie preziose e porticcioli nascosti, scavati nella roccia.
Dedicheremo una giornata a esplorare Comino, l’isola disabitata, riserva naturale ed ornitologica, dominata dalla torre di Santa Maria, che veglia sulla preziosa Blue Lagoon, rinomata per la sua acqua trasparente, perla caraibica delle isole calipsee.

Ovunque, tra i muri a secco, domina la macchia mediterranea - erba che accarezza e cespuglio che punge - con i suoi fichi d’india, il timo, i tamarischi e l’elicriso. Si va per sentieri e carrarecce, talvolta per poco frequentate strade asfaltate di campagna.
Una genuina semplicità nasconde la grandezza di questa terra che fu di Cavalieri e che in ogni dove conserva santuari preistorici, tombe puniche e resti romani, segni di antiche e fertili civiltà che qui ebbero dimora.
Un tuffo in quest’isola, rupestre ed elegante, impregnata di atmosfera mediterranea.

Programma

Sabato 21

Ritrovo a Cirkewwa (15h30), trasferimento in traghetto a Mgarr e arrivo a Nadur (in bus o a piedi – 4 km, circa 1h30 di cammino, dislivello: +150 m)

Domenica 22

Nadur Victoria, 18 km (6 ore di cammino, dislivello: +350 m, -400 m).

Lunedì 23

Victoria Ghasri, 14 km (5 ore di cammino, dislivello: +390 m, -300 m)

Martedì 24

Ghasri Xaghra,18 km (6 ore di cammino, dislivello: +400 m, -300 m)

Mercoledì 25

Xaghra Nadur, 15 km (5 ore di cammino, dislivello: +460 m, -450 m)

Giovedì 26

Trasferimento in barca su Comino e giro dell’isola a piedi, ritorno in giornata a Nadur (in bus o a piedi)

Venerdì 27

Nadur Mgarr, 10 km (3h30 ore di cammino, dislivello: +100 m, -200 m). Rientro dal porto di Cirkewwa dalle ore 12 in poi.

Altre informazioni utili

Notti: in b&b, guesthouses e farmhouses dal sapore tipico, rustico e accogliente, spesso a gestione famigliare. Sistemazioni in stanze doppie/triple/quadruple.

Ritrovo: sabato 21 aprile, 15h30, presso la biglietteria del terminal traghetti Gozo Channel al porto di Cirkewwa (Malta), facilmente raggiungibile dall’aeroporto di Luqa in autobus o taxi (circa 1 oretta in bus). La segreteria della Compagnia dei Cammini vi consiglierà i voli più economici per raggiungere Malta.

Rientro: venerdì 27 aprile, partenza dal porto di Cirkewwa dalle ore 12 circa.

Come arrivare al luogo di ritrovo: dall’aeroporto di Luqa si può comodamente arrivare al porto di Cirkewwa in autobus (all’incirca in un’oretta / un’oretta a mezza) o in taxi (sicuramente più veloce ma più dispendioso). Vi verranno comunque inviate informazioni più dettagliate prima della partenza. 

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos soprattutto per le calze, zaino ergonomico. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare. Non sono necessari né asciugamani, né sacco lenzuolo.

Scarica la scheda dettagliata, in versione stampabile

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo la conferma telefonica per verificare la disponibilità di posti, inviare 150 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2018).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 627 Gozo: il cammino costiero. Il saldo di 100 euro deve essere versato entro il 09-04-2018. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.