I nostri viaggi

0 posti

Reset password

Passaggio a nord-est: da Lubiana a Trieste

La prima grande traversata Lubiana–Trieste! Un itinerario pensato e costruito per ricollegare due piccole città-gioiello, due sorelle così vicine e così lontane allo stesso tempo. Un cammino a cavallo tra gli umori e i colori dell’Est e della Mitteleuropa, tra due città dai tanti nomi. Una discesa intensa nell’atmosfera di epoche diverse, e soprattutto un’immersione profonda nelle foreste e nei boschi…

Ci lasceremo alle spalle dolcemente il centro storico Ljubljana – la capitale verde d’Europa 2016 – a bordo di un battello, inoltrandoci nella Lubjanske barje, la palude che circonda la città, zona di prati umidi e torbiere in cui ha prosperato la cultura delle palafitte e dove oggi vivono decine di specie di uccelli. Quindi ci metteremo in cammino: incontreremo laghetti, chiesette in collina, foreste e ancora foreste in cui vivono i grandi mammiferi come gli orsi e i lupi, piccoli villaggi, laghi che appaiono e scompaiono (il più grande lago intermittente del Paese: Circonio, in sloveno Cerkniško jezero), su una splendida cima la chiesa della SS. Trinità (Sveta Trojica), uno dei parchi militari più estesi d’Europa, che ci aiuterà a comprendere meglio il Novecento dei conflitti e delle frontiere (entreremo in un sommergibile della Guerra Fredda!) e poi un’altra vetta da cui godere di un gran panorama: Vremšcica, ovvero il Monte Auremiano, da cui scenderemo per costeggiare la sponda del misterioso Timavo, o Reka per gli sloveni, quindi ci addentreremo in quelle che vengono annoverate tra le più belle grotte del mondo, Škocjanske jame (San Canziano: patrimonio dell’umanità), un passo dopo l’altro in un canyon sotterraneo pazzesco, usciremo alla luce e entreremo in Italia passando dal Monte Cocusso (Kokoš), il re dell’altipiano carsico da cui, durante l’ultimo giorno, godremo della vista aperta sul golfo. Scenderemo a piedi al mare di Trieste e lì ci saluteremo.

Una settimana rilassante nel verde, in quello che è il polmone d’Europa, la Slovenia: è infatti tra i Paesi più verdi del continente, assieme a quelli scandinavi. Una nazione piccola, eppure dal cuore grande. Una settimana, inoltre, per capire meglio la storia e le vicissitudini di queste terre. L’Est che accoglie, che spiazza, che nutre, che strega…

Programma

Sabato 26

Ritrovo a Trieste e trasferimento a Lubiana. Passeggiata in città e cena

Domenica 27

Ljubljana – Bistra. Battello e poi 4h30 di cammino, 250 m in salita, 200 m in discesa

Lunedì 28

Bistra – Dolenje Jezero. 7h30 di cammino, 500 m in salita, 300 m in discesa

Martedì 29

Dolenje Jezero – Trnje. 7 ore di cammino, 600 m in salita, 600 m in discesa

Mercoledì 30

Trnje – Gornja Košana. 4 ore di cammino, 150 m in salita, 200 m in discesa (+ visita al parco militare)

Giovedì 31

Gornja Košana – Matavun. 6h30 di cammino, 750 m in salita, 800 m in discesa

Venerdì 1

Matavun – Draga. 4h30 di cammino, 300 m in salita, 300 m in discesa (+ visita alle grotte)

Sabato 2

Draga – Trieste. 4 ore di cammino, 150 m in salita, 400 m in discesa

Altre informazioni utili

Per facilitare l’arrivo a Lubiana è stato organizzato un servizio di transfert dalla stazione di Trieste (circa 16/17 euro a testa, da pagare in loco).

Ritrovo: sabato 26 agosto ore 14.30 a Trieste, dove prenderemo il transfert per Lubiana
Rientro: sabato 2 settembre, il cammino si concluderà a Trieste. Si può prendere il mezzo per il ritorno a casa a partire dalle 16

Come arrivare al luogo di ritrovo: la soluzione migliore per raggiungere Trieste è il treno. Per chi fosse molto distante c’è l’alternativa dell’aereo: l’aeroporto dista 1h di autobus da Trieste e ha voli diretti con molte città italiane.

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos soprattutto per le calze, zaino ergonomico. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare.

Dislivelli: non ci sono grandi cime (la vetta più alta non arriva a 1.100 m), ma qualche giornata con dislivelli sensibili sì, per cui si consiglia alcune giornate di allenamento con lo zaino nelle settimane precedenti

Notti: in camere multiple (ostelli, alberghetti, agriturismi)

Letture utili: Viandanza. Il cammino come educazione sentimentale (Laterza, 2016), Alzati e cammina. Sulla strada della viandanza (Ediciclo, 2014).

Scarica la scheda dettagliata, in versione stampabile

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo la conferma telefonica per verificare la disponibilità di posti, inviare 150 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2017).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT18Y0501812101000000135454, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 488 Passaggio a nord-est: da Lubiana a Trieste. Il saldo di 100 euro deve essere versato entro il 14-08-2017. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.