I nostri viaggi

0 posti

Novità

Reset password

La tribù degli asini curiosi. Campo estivo semi-itinerante

Grande avventura insieme agli asini, per bambini, nel cuore del Parco nazionale dell’Appennino tosco emiliano

Una settimana alla scoperta della misteriosa e selvaggia valle del torrente Dolo a ridosso delle alte vette appenniniche, nel cuore del Parco nazionale dell’Appennino tosco emiliano. Nell’ultimo lembo d’Emilia, una valle spumeggiante ricca del suono delle acque che ospitano trote saltellanti, c’è il rifugio Segheria, nel mezzo della verde foresta di alberi antichi e maestosi chiamata "Abetina reale". Una casa ospitale, luogo di soste e silenzi, comoda e spaziosa, dove poter stare insieme e costruire e immaginare mondi vicini e lontani a noi. Avventure e camminate giornaliere in compagnia degli asini, che ci aiutano nel trasporto dei materiali che servono per le attività. Nel bel mezzo della settimana, un’avventura forte e sentita: la notte in tenda al Lago Bargetana, un luogo straordinario, un cammino di due giorni con partenza e ritorno al rifugio, che permette di vivere un’esperienza "iniziatica". Il Lago Bargetana è a 1800 m, isolato dal mondo, unito al cielo e alle stelle d’Appennino, luogo magico per una notte indimenticabile.

Ci sono tante cose da fare al campo ma ci sono anche tante esperienze da condividere attraverso i cento linguaggi della creatività e della fantasia; dalle attività manuali alle attività intellettuali utilizzando la freschezza della lingua scritta, si possono esplorare modi diversi di comunicare e di estrapolare il proprio io creativo che porta a essere più sicuri, più intraprendenti e anche più profondi.
E poi ci sono gli asini che, con la loro attitudine a saper superare gli ostacoli, sono maestri nell’affrontare le tante avventure di cui ci rendiamo partecipi.

I viaggi della Compagnia dei Bambini sono viaggi a piedi pensati per famiglie con bambini e per bambini/ragazzi senza genitori. Questo viaggio è organizzato con gli asinelli e condotto da Massimo Montanari, magico asinaro poeta che sa parlare il linguaggio dei bambini quando li accompagna sui sentieri. Massimo sa come trasformare un viaggio a piedi in un’esperienza indimenticabile, come dice lui "un andare avanti dove il camminare è un crescere, dove il passo lento a fianco dell’asino amico è un esplorare i cieli della narrativa del paesaggio, dove il linguaggio delle immagini si mischia all’avventura dell’assaporare le radici di una terra bagnata dall’acqua e di un cielo lì a portata di braccio...".
Per maggiori dettagli potete visitare il sito della Compagnia dei Bambini.

Programma

Sabato 1

Ritrovo e saluto ai genitori.

Conoscenza con gli asini, momenti di reciprocità per conoscerci, salita verso il rifugio percorrendo il sentiero del torrente Dolo, sosta al vicino rifugio San Leonardo per il pranzo. Pomeriggio con risalita del sentiero della Foresta verde, e arrivo al rifugio Segheria dopo circa 2 ore di cammino. Sistemazione nelle camere e logistica varia.

Domenica 2

Giornata del percorso dei Passi appenninici, la bella forestale che dolcemente sale al Passo Forbici e al Passo Giovarello, con ampia vista sulle valli garfagnine e le Alpi Apuane. Rientro dal sentiero dei Partigiani nel bosco selvatico. Ore di cammino 3.

Lunedì 3

I giochi del torrente. Giornata dedicata alle attività con legna e sassi; laboratori creativi arte-natura-paesaggio. Progettazione e allestimento della prima parte della mostra NaturArte. Giochi con bussole e alberi per imparare una tecnica di orientamento divertente nella natura. Giochi con gli asini, esercizi di conduzione e relazione.

Martedì 4

Torrente Dolo: giornata dedicata all’acqua, al torrente e alle sue sorgenti con risalite pazzerelle; giochi d’acqua tra pozze e piccole cascate. Esplorazioni a piedi nudi, per avviare un contatto diretto con la terra, e il gioco dell’AsinOca, prove divertenti di equilibrio e percezione con gli elementi naturali. Giochi con gli asini, esercizi di conduzione e relazione.

Mercoledì 5

/ Giovedì 6

Grande avventura itinerante: l’Anello del gigante. Percorso di alta particolarità ambientale nell’area più suggestiva del Parco, tra praterie d’altura e mirtilleti sconfinati; i più alti Passi appenninici e le vette che sfiorano il cielo all’ombra del Cusna, il monte del Gigante che dorme.

Il fischio delle marmotte e i rapaci che volano controluce tra la Valle dell’Ozola e le verdi spianate del crinale appenninico.

Pernottamento in tenda nei pressi del Lago Bargetana, l’ultimo specchio d’acqua glaciale dove nuotano i tritoni crestati, accompagnati dal dolce dondolio dei fiori del Monte Prado.

Cena collettiva in autogestione. Gli asini portano i bagagli, le tende, i viveri e il materiale da campo.

Percorso totale di 16 km con dislivelli di circa 1.000 m complessivi (salita e discesa).

Venerdì 7

Giornata stanziale dedicata alla conclusione delle opere d’arte e allestimento finale della mostra NaturArte.

Laboratori di cucina naturale, pane, torte e altro per preparare il pranzo finale con i genitori. Giochi con gli asini, esercizi di conduzione e relazione.

Sabato 8

Sistemazione bagagli, laboratorio di cucina naturale.

Passeggiata per incontrare i genitori e rientro al rifugio tutti insieme. Pranzo con i genitori cucinato e servito dai bambini partecipanti al campo.

Le attività finiscono alle ore 16.

Altre informazioni utili

Età: 6-10 anni, senza genitori
Difficoltà: cammini leggeri (Compagnia dei Bambini)

Tipo di viaggio: semi-stanziale. Zaino leggero, di giornata

Notti: in camerate in rifugio; una notte in tenda

Guida e asinaro: Massimo Montanari
Educatrice e tata del viaggio: Valeria Ferretti, insegnante di scuola primaria, esperta di disabilità, si occupa dell’inserimento dei soggetti disabili nelle classi e segue progetti relativi ai disturbi dell’apprendimento e delle disfunzioni linguistiche e comportamentali.

Ritrovo: Civago (RE), area parcheggio partenza sentiero CAI 605, sabato 1 luglio ore 12 (le indicazioni per arrivarci saranno date in seguito).
Rientro: Civago (RE), sbarra Segheria Abetina reale, strada forestale, sabato 8 luglio ore 12. 

Clima: appenninico, temperato, di giorno può essere caldo e fresco la sera. Temperatura media (max 30°C, min 10°C).
Tipo di percorso: sentieri larghi e agevoli, strade forestali, strade bianche.

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia, abbigliamento comodo per camminare, zaino ergonomico o almeno comodo. Sacco a pelo, posate e piatti per pranzo al sacco. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare. Tende e materassini sono forniti dall’organizzazione.

Brevi note tecniche per i genitori:

  • Non sono ammessi cellulari ai ragazzi. In caso di necessità di comunicazione, il cellulare viene messo a disposizione dalla guida.
  • Non sono ammessi tablet, computer portatili, giochi elettronici.
  • Sono ammessi IPOD e apparecchi musicali similari solo ed esclusivamente con le cuffiette, ma i partecipanti potranno tenerli accesi solo la sera per un orario che verrà deciso dalla guida.
  • I genitori possono mettersi in contatto con i propri figli tutte le sere dalle ore 18.00 alle ore 21.00, fascia oraria nel quale i ragazzi hanno tempo e non sono coinvolti in attività.
  • In caso di comunicazioni urgenti e impellenti, la guida ha comunque sempre il cellulare acceso, risponderà in ogni caso ma la continuazione della telefonata e l’eventuale messa in comunicazione con il figlio/a è strettamente legata a comunicazioni davvero urgenti. Vi preghiamo di aiutarci in questa regola per poter lavorare in serenità e creare un clima disteso nei ragazzi.
  • I partecipanti possono avere con sé una somma per piccole spese personali per un massimo di 20 €. I soldi saranno gestiti dai ragazzi stessi. Le guide e l’organizzazione non sono responsabili di smarrimenti.
  • Non lasciate ai ragazzi oggetti di valore quali catenine, braccialetti ecc. In caso di smarrimento la Compagnia dei Cammini e la guida non sono responsabili degli oggetti smarriti.
  • I partecipanti che hanno dei problemi alimentari particolari devono segnalarlo con largo anticipo per dare modo all’organizzazione di reperire eventuali cibi: alimenti per celiaci e/o altro non si trovano in loco ed è perciò necessario reperirli altrove.
  • Oltre alla guida Massimo Montanari, è presente un’educatrice adulta di sesso femminile per far fronte alle problematiche personali e intime delle ragazze garantendo riservatezza e attenzione.
  • Sia la guida che l’educatrice sono professionisti nell’ambito delle attività educative con ragazzi adolescenti; è pertanto garantito da parte della Compagnia dei Cammini la massima serietà nei rapporti con i ragazzi e l’attenzione a loro rivolta.
  • I partecipanti che debbono somministrarsi dei farmaci per cure in atto devono segnalare anticipatamente il problema alla guida. Nel caso di necessità, la guida deve essere autorizzata per iscritto dai genitori a somministrare la cura medica (solo in caso di preparazione di medicine).
  • Il rifugio Segheria dispone di un medico generico con ambulatorio nel vicino paese di Civago; è convenzionato con la struttura e autorizzato per accogliere i turisti (servizio guardia medica turistica).
  • Nel paese di Civago è presente una farmacia.

Logistica:

  • Il campo estivo si svolge al rifugio Segheria (www.rifugiosegheria.it), un piccolo ma accogliente rifugio di montagna gestito da professionisti qualificati, il rifugio svolge servizi di ospitalità e accoglienza all’interno del Parco.
  • Il rifugio è dotato di un salone con tavoli e panche per pranzi e attività, e una vasta area cortiliva con tavoli e panche per i pranzi all’aperto.
  • Dispone di bagni interni alle camerate e bagni esterni.
  • Le docce sono con acqua calda e sono posizionate nelle camere.

Partecipanti: nei viaggi della Compagnia dei Bambini per soli bambini o ragazzi, il numero massimo è di venti partecipanti, con la presenza costante della guida e di un’educatrice

Scarica la scheda dettagliata, in versione stampabile

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo la conferma telefonica per verificare la disponibilità di posti, inviare 160 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2017).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT18Y0501812101000000135454, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 460 La tribù degli asini curiosi. Campo estivo semi-itinerante. Il saldo di 100 euro deve essere versato entro il 19-06-2017. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.