Guide e staff

Alessia Garda

Nata e cresciuta a Torino, città di fermento e contraddizioni, attivista da sempre. Una laurea in filosofia per seminare in me consapevolezza e apertura di visioni.
Amo il cielo stellato, dormire in tenda, il vento, il silenzio, i colori.
Le mie passioni sono svariate, dalla musica di strada alla poesia, dal consumo critico alla decrescita, dai viaggi all’ultimate frisbee, dalla permacultura alla meditazione; ad oggi i miei alberi maestri, quelli in cui ritrovo e pratico maggiormente la mia esistenza, restano l’educazione e il cammino.

Per anni ho lavorato nell’ambito dell’educazione ambientale, in fattorie didattiche e in campi estivi in natura, poi l’insegnamento nelle scuole, in varie forme.
Come per molti, fare il cammino di Santiago ha creato uno spartiacque, lasciando un’impronta definitiva nel mio modo di vedere il mondo e la vita, ma anche comunicandomi l’urgenza di diffondere questo verbo, questa pratica tanto accessibile quanto incisiva che insegna a stare al mondo con semplicità e pienezza, con umiltà e fiducia, e a ricordare chi siamo.
Da lì il passo verso la dipendenza da cammino è stato breve; ho collaborato alla tracciatura della Via Francigena nel 2015 fino ad arrivare al patentino da Guida Ambientale Escursionistica nel 2018, col desiderio di unire i due suddetti alberi maestri sulla stessa barca.

“Camminare domandando” diceva qualcuno. Ecco, penso anche io sia questo il modo migliore per esistere come corpi vivi su questo pianeta, avendone cura, rispetto e gratitudine, facendo della curiosità e della meraviglia i motori di un’educazione permanente e circolare, per grandi e piccini, verso un’esistenza di connessione, scambio, profondità e lentezza. Riscoprendoci umani.

Insomma, toglietemi tutto ma non il mio zaino.