I nostri viaggi

5 posti

Novità

Reset password

I briganti e i Giganti della Sila

Si percorrono antiche vie di comunicazione per poi attraversare gli altopiani silani e raggiungere le cime dei monti Palèparto, Altare, Colle Perilli, fino alla vetta del Parco ovvero il Monte Botte Donato. E poi tra gli alberi giganti del bosco ultracentenario della Riserva naturale del Fallistro e i borghi tra cui Longobucco dove ancora oggi è viva la tradizione della tessitura e dove, nelle cantine, è d’obbligo “u sciannichiaddù” (tradizionale bicchiere di vino) in compagnia.

I fitti boschi, le cime difficili da raggiungere e un territorio in parte impervio contribuirono a fare della zona il luogo ideale per la diffusione del fenomeno del brigantaggio, tanto che storie e aneddoti dei briganti sono ancora impresse nella tradizione orale della gente locale, come nel caso del brigante Palma, considerato re della montagna e difensore dei poveri.

Una terra dedicata per secoli all’agricoltura e alla pastorizia, e solo più di recente aperta anche al turismo, dove si incontrano antiche case coloniche, a volte in stato di abbandono, ma anche le piste da sci, simbolo delle nuove attività economiche.

Lungo il cammino è molto probabile incrociare i pastori che allevano principalmente bovini e dal cui latte producono formaggi come la provola e soprattutto il caciocavallo silano, uno dei più antichi formaggi del sud Italia a pasta filata. Con loro si può aprire un dialogo sulla “nuova” convivenza con i lupi. Malgrado le persecuzioni del passato e il rischio di estinzione qui è presente uno dei nuclei più consistenti di lupo dell’Appennino.

Un cammino, in questa zona della Calabria dove si respira l’aria tra le più pure d’Europa, da vivere con tanto spirito d’avventura, sentendosi davvero piccoli tra gli alberi giganti, ma nello stesso tempo briganti e viandanti dei boschi!

Programma

Sabato 26

Ritrovo alle ore 18.00 a Longobucco (CS)

Domenica 27

Longobucco – Monte Palèparto – Longobucco. 7 ore, 700 m in salita, 700 m in discesa

Lunedì 28

Longobucco – Lago Cecita. 6 ore, 1.000 m in salita, 800 m in discesa

Martedì 29

Lago Cecita – S. Nicola. 6 ore, 300 m in salita, 100 m in discesa

Mercoledì 30

S. Nicola – Camigliatello. 4 ore, dislivelli irrilevanti

Giovedì 1

Camigliatello – Baracchelle/Lorica. 6 ore, 800 m in salita, 600 m in discesa

Venerdì 2

Lorica – Colli Perilli – Lorica. 6 ore, 500 m in salita, 500 m in discesa

Sabato 3

Partenza con pullman di linea

Altre informazioni utili

Notti: case private, agriturismo, hotel a conduzione famigliare, sistemazioni in stanze doppie / triple

Ritrovo: sabato 26 giugno ore 18.00 a Longobucco (CS)
Rientro: sabato 3 luglio, trasferimento da Lorica con pullman di linea

Come arrivare al luogo di ritrovo:
In treno e pullman di linea. Si può raggiungere la stazione FS di Cosenza da Paola. Quest’ultima stazione FS è servita da treni veloci provenienti dal nord Italia diretti o con cambio a Napoli o Salerno. Da Cosenza pullman di linea: www.iasautolinee.com
In aereo. L’aeroporto internazionale di Lamezia Terme dista circa km 60 da Paola. Da qui si può proseguire con pullman di linea o con treno fino a Cosenza e dopo con pullman: www.iasautolinee.com

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico, pile e giacca a vento. Alla richiesta di perfezionamento della prenotazione, riceverete l’elenco delle cose da mettere nello zaino.

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 230 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2021).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 363 I briganti e i Giganti della Sila. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

I nostri cammini si svolgono in conformità alle norme covid-19, rispettano le disposizioni che ogni struttura ricettiva ha adottato, e ovviamente il buon senso, sempre e comunque.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.