I nostri viaggi

0 posti

Reset password

Dall’Appennino al mare con gli asini. Campo estivo itinerante

Per bambini e ragazzi dai 10 ai 15 anni, senza genitori.
Notti: in tenda.

I sentieri sono strade della vita, rami dell’albero dell’esistenza che accompagnano l’uomo alle sue mete. E così è per i nostri ragazzi, che affrontano la grande traversata dai monti al mare, da Civago, nel Parco nazionale dell’Appennino tosco emiliano, al Tirreno, sulle vie del sale, sugli itinerari di briganti e contrabbandieri. Si dorme in tenda e si mangia presso strutture d’appoggio. Gli asini portano i bagagli.

Guida e asinaro:
Massimo Montanari
Guida e asinara:
Eugenia Dallaglio

Civago – Marinella di Sarzana: una bellissima esperienza di cammino monti-mare.

Le vecchie vie storiche, che fanno dell’Appennino un luogo di transito obbligato, ancora oggi sono lì a testimoniare il passaggio di popoli e genti. Il percorso attraversa l’Appennino emiliano nella sua parte più ricca di storia. I viandanti di un tempo antico attraversavano queste terre, carichi di merci con asini e muli al fianco, per approdare laggiù nell’azzurro orizzonte dei loro commerci. Queste vie sono quelle che ancora oggi si possono percorrere. Con l’asino, proprio come allora. Antiche mulattiere, torri merlate, fortezze su erte colline a punteggiare un paesaggio che cambia a ogni tappa. Un territorio gentile dai colli segnati dal sole e dalle tonalità grigie dei calanchi per raggiungere la parte alta delle terre di confine. Compagnia dei Bambini Poi la discesa fino alle spiagge dorate di sole. L’Appennino emiliano con le sue tradizioni agricole, i crinali lunghi, la catena di spartiacque che si distingue per le vette appuntite, le tracce memorabili di ghiacciai e laghi in ricordo di un tempo passato. La Lunigiana costellata da paesi che paiono sospesi e le terre di confine le cui frontiere sono dettate dalla storia della civiltà del commercio. E laggiù, laggiù il lungo e infinito nastro azzurro che confonde le linee del cielo con la spuma delle onde. Tutto questo a piedi, con l’asino compagno che insieme a noi ci farà raggiungere l’emozione di calpestare la sabbia, con i nostri scarponi che porteranno argilla dal cammino, per un’osmosi geologica che cambia il colore della spiaggia.

I viaggi della Compagnia dei Bambini sono viaggi a piedi pensati per famiglie con bambini e per bambini/ragazzi senza genitori. Questo viaggio è organizzato con gli asinelli e condotto da Massimo Montanari, magico asinaro poeta che sa parlare il linguaggio dei bambini quando li accompagna sui sentieri insieme ai genitori. Massimo sa come trasformare un viaggio a piedi in un’esperienza indimenticabile, come dice lui "un andare avanti dove il camminare è un crescere, dove il passo lento a fianco dell’asino amico è un esplorare i cieli della narrativa del paesaggio, dove il linguaggio delle immagini si mischia all’avventura dell’assaporare le radici di una terra bagnata dall’acqua e di un cielo lì a portata di braccio...".
Per maggiori dettagli potete visitare il sito della Compagnia dei Bambini.

Programma

Sabato 28

Civago – Rif. Bargetana. Dislivello in salita 550 m, lunghezza km 10. Il suggestivo sentiero della Valle del Dolo incastonato tra i crinali appenninici nel cuore del Parco nazionale dell’Appennino tosco emiliano. Le faggete secolari e la salita a ridosso dello sperone del Monte Vecchio fino a raggiungere l’altopiano tra i mirtilleti in un panorama mozzafiato. Cena e pernottamento in rifugio.

Domenica 29

Rif. Bargetana – Passo Pradarena. Dislivello in salita 550 m, lunghezza km 14. Altra tappa panoramica che dal Passo di Lama Lite attraversa la parte più alta lambendo vette che oltrepassano i 2.000 m, continua su comode carreggiate e raggiunge comodamente le faggete del Lago Capriolo. Uscendo dalla vegetazione passa a ridosso del Crinale delle Porraie. Speroni rocciosi e praterie si alternano in continuazione. Pernottamento in tenda e cena fornita dal ristorante Carpe Diem (il ristorante dispone di un appartamento con 14 posti letto).

Lunedì 30

Passo Pradarena – Sassalbo. Dislivello in salita 300 m, lunghezza km 14. In un ambiente incontaminato si scende nella valle del torrente Torbido dalle acque bianche che dilavano i gessi del triassico, si sale al sistema dei laghi cerretani con le piante carnivore galleggianti e raggiunto il passo omonimo si scende per l’antica mulattiera sul sentiero dei geoditi a Sassalbo. Pernottamento selvatico nel campo sportivo di Sassalbo con cena fornita dall’organizzazione. Non ci sono servizi. C’è il suggestivo torrente Rosaro nelle cui belle pozze limpide ci si può lavare.

Martedì 31

Sassalbo – Comano. Dislivello in salita 300 m, lunghezza km 10. La Lunigiana in odor di olivo e aria salmastra in un cammino dove i pendii e i panorami cambiano decisamente. Le valli sottostanti si aprono e si cammina dolcemente cullati dal vento caldo del mare. Tappa con ampie discese comode. Pernottamento in tenda, cena presso struttura.

Mercoledì 1

Comano – Pontebosio. Dislivello in salita 50 m, lunghezza km 12. Tappa rilassante in leggera discesa, lungo la valle del torrente Taverone con ottimi luoghi appartati per fare il bagno, la seconda parte più selvaggia ripercorre zone disabitate ma al contempo con ricchi segni dell’uomo tra castagneti e vecchie coltivazioni. Si raggiunge il bel borgo di Licciana Nardi attraversando la cinta murata e si raggiunge la piana di Pontebosio dove all’ombra del vecchio castello c’è l’agriturismo che ci ospita.

Giovedì 2

Pontebosio – Ponzanello. Dislivello in salita 500 m, lunghezza 12 km. Le colline di Aulla e gli ultimi boschi della Lunigiana, un aspetto diverso in ogni momento dove olivi e frutteti si alternano a tratti di macchia mediterranea e i piccoli borghi sono di vedetta a crinali leggeri e pianure incastrate tra i fiumi. Percorso vario in saliscendi con bagno nel torrente Bardine. Salita finale nei pressi di Ponzanello, borgo fortificato ubicato in posizione spettacolare. Pernottamento selvatico nell’oliveto con possibilità di usufruire di un b&b per i servizi.

Venerdì 3

Ponzanello – Borgo della Colomba. Dislivello in salita 250 m, lunghezza 8 km. Ultimo scollinamento tra i boschi prima della discesa nella conca del Calcandola, piccolo corso d’acqua che bagna la Valle di Giucano. Si attraversano paesini già in odor di Liguria con i tipici carruggi e si raggiunge il bel Borgo della Colomba per un pomeriggio relax in piscina.

Sabato 4

Borgo della Colomba – Maneggio due Laghi. Dislivello in salita 100 m, lunghezza 10 km. Tappa che scende nella valle del torrente Calcandola ed entra in Sarzana, attraversando la suggestiva cittadina ligure ricca di scorci pittoreschi. Oltrepassato il centro urbano, l’itinerario svolta verso il fiume Magra e percorrendo le aree ripariali raggiunge un’area naturalistica silenziosa a dominio del promontorio di Montemarcello. Pernottamento nelle aree interne del maneggio tra cavalli e bufali.

Domenica 5

Maneggio due Laghi – Marinella di Sarzana (mare). Tappa finale tutta in pianura, con una lunghezza di circa 8 km. Il percorso si svolge sulle sponde del fiume Magra nel Parco fluviale, e raggiunge il mare nei pressi di Fiumaretta-Marinella. Arriveremo al mare verso le ore 12. Aspettiamo i genitori per il bagno finale insieme e per un pranzo di saluto.

Altre informazioni utili

Età: 10-15 anni

Ritrovo: sabato 28 luglio, alle ore 11.00 a Civago, frazione del comune di Villa Minozzo (RE)
Rientro: domenica 5 agosto da Marina di Sarzana, il gruppo arriverà intorno alle ore 12 al mare per il bagno finale insieme alle famiglie e un pranzo di saluto.

Cosa portare: scarponcini da trekking, abbigliamento da escursionismo, borraccia, zaino, sacco a pelo, modulo o materassino leggero, costume da bagno. Le tende sono fornite dall’organizzazione, sono modello igloo da 3 posti. Gli asini portano i bagagli personali, il materiale da campo (tende sacchi a pelo e materassini) e materiale cucina, ma ci vuole uno zaino personale per una parte delle proprie cose utili per il cammino giornaliero, capacità 35-40 litri. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare.

Notti: in tenda con l’appoggio di strutture

gufo GigiBrevi note tecniche per i genitori:

  • Non sono ammessi cellulari ai ragazzi. In caso di necessità di comunicazione, il cellulare viene messo a disposizione dalla guida.
  • Non sono ammessi tablet, computer portatili, giochi elettronici.
  • Sono ammessi IPOD e apparecchi musicali similari solo ed esclusivamente con le cuffiette, ma i partecipanti potranno tenerli accesi solo la sera per un orario che verrà deciso dalla guida.
  • I genitori possono mettersi in contatto con i propri figli tutte le sere dalle ore 18.00 alle ore 21.00, fascia oraria nella quale i ragazzi hanno tempo e non sono coinvolti in attività.
  • In caso di comunicazioni urgenti e impellenti, la guida ha comunque sempre il cellulare acceso, risponderà in ogni caso ma la continuazione della telefonata e l’eventuale messa in comunicazione con il figlio/a è strettamente legata a comunicazioni davvero urgenti. Vi preghiamo di aiutarci in questa regola per poter lavorare in serenità e creare un clima disteso nei ragazzi.
  • I partecipanti possono avere con sé una somma per piccole spese personali per un massimo di 20 €. I soldi saranno gestiti dai ragazzi stessi. Le guide e l’organizzazione non sono responsabili di smarrimenti.
  • Non lasciate ai ragazzi oggetti di valore quali catenine, braccialetti ecc. In caso di smarrimento la Compagnia dei Cammini e la guida non sono responsabili degli oggetti smarriti.
  • I partecipanti che hanno dei problemi alimentari particolari devono segnalarlo con largo anticipo per dare modo all’organizzazione di reperire eventuali cibi: alimenti per celiaci e/o altro non si trovano in loco ed è perciò necessario reperirli altrove.
  • Entrambe le guide sono professionisti nell’ambito delle attività educative con ragazzi adolescenti; è pertanto garantito da parte della Compagnia dei Cammini la massima serietà nei rapporti con i ragazzi e l’attenzione a loro rivolta.
  • I partecipanti che debbono somministrarsi dei farmaci per cure in atto devono segnalare anticipatamente il problema alla guida. In caso di necessità, la guida deve essere autorizzata per iscritto dai genitori a somministrare la cura medica (solo in caso di preparazione di medicine).

Logistica:

  • Il viaggio Appennino-Mare è piuttosto spartano poiché i campi notturni con le tende sono ubicati a ridosso delle strutture.
  • Le strutture che forniscono i servizi dispongono di bagni e docce con l’acqua calda.
  • La doccia viene effettuata a turno.
  • Nella terza tappa, a Sassalbo, non vi sono strutture d’appoggio. L’acqua per lavarsi è quella del fiume.
  • Nella sesta tappa, a Ponzanello, siamo assistiti da un B&B, che in caso di pioggia ci accoglie. Tuttavia il B&B dispone solo di 8 posti letto.

Partecipanti: nei viaggi della Compagnia dei Bambini per soli bambini o ragazzi, il numero massimo è di venti partecipanti

Scarica la scheda dettagliata, in versione stampabile

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo la conferma telefonica per verificare la disponibilità di posti, inviare 160 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2018).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 689 Dall’Appennino al mare con gli asini. Campo estivo itinerante. Il saldo di 100 euro deve essere versato entro il 16-07-2018. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.