I nostri viaggi

7 posti

Reset password

Finlandia: infiniti giorni d’estate

La Finlandia terra estrema, dove l’uomo si sente libero e piccolo al cospetto della natura che tutto regola: i ritmi delle persone, della flora e della fauna. Ci aspetta una Finlandia rurale e meno turistica in questo viaggio a piedi nella terra delle foreste e dei laghi: faremo la sauna in piccole saune antiche di campagna, quelle usate nel vivere quotidiano, in cui può servire prendere acqua direttamente da un pozzo perché acqua potabile non c’è, oppure nelle altrettanto tipiche saune adagiate in riva a un piccolo lago a godere del “momento” topico per i finlandesi.

Un viaggio vero di immersione nel vivere finnico senza fronzoli, camminando sui sentieri delle riserve naturali o vagando per le immense foreste senza tracce da seguire.

Nei giorni in cui il sole non tramonta mai, godremo della festa più sentita in Finlandia: il Midsummer, ovvero l’equinozio d’estate chiamato dai finlandesi Juhannus. La più tradizionale festa nazionale a celebrazione della luce, nel giorno più lungo dell’anno. Per i finlandesi è l’occasione per trascorrere una vacanza con la famiglia e gli amici, organizzando feste oppure rilassandosi in un cottage di legno sulla riva di un lago e noi godremo di questo clima di festa, sperimentando anche il momento unico e altrettanto tipico della sauna, insieme alle persone del paese di Multia, che ci accoglierà.

I cibi saranno quelli semplici e tipici finlandesi così come le accoglienze in cottage e nelle case che sono luoghi di ritrovo per le comunità.

Discendenti di antiche tribù, i finlandesi hanno sempre trovato di che cibarsi direttamente nelle foreste, nei laghi e nei campi che ricoprono la maggior parte del Paese. E continuano a farlo. Grandi mammiferi come renne e alci, selvaggina come pernici e francolini di monte, e una varietà di pesci d’acqua dolce e salata sono da secoli alla base di numerose specialità della cucina locale. Spesso accompagnati da patate o verdure e frutti di bosco appena colti. Non mancheranno piatti vegetali per soddisfare anche le diverse esigenze alimentari: vegani e vegetariani in primis.

Arte:
A Multia saremo ospiti dell’artista finlandese Marja-Leena Valkola, se cercate il suo nome sul web trovate vari contributi, anche video.
Conosceremo anche un’altra artista: Eeva-Riitta Vilkuna.

Libri consigliati:
La letteratura finlandese gode di ottima salute, molti autori sono saliti alla ribalta negli ultimi anni. C’è un genere che sta prendendo piede, ossia l’aforisma. Date un occhiata qui: L’aforisma in Finlandia, Tiina Lehikoinen. La prima frase del viaggio che si trova sul catalogo cartaceo è un adattamento proprio di un aforisma della Lehikoinen.
Ovviamente non possiamo non citare tutti i libri della saga dei “Mumin” della finlandese Tove Jansson editi da vari editori tra cui Salani e Giunti.
Tutti i libri di Arto Paasilinna, autore finlandese noto per il travolgente humour e la capacità di raccontare ridendo anche le storie più tragiche.

Musica: se volete sognare e immaginare la bellezza onirica della natura finlandese ascoltate un’opera del grande compositore e violinista finnico Jean Sibelius.

Programma

Mercoledì 3

Ritrovo a Helsinki alle ore 18.00. Breve camminata e cena comune

Giovedì 4

Pullman di linea fino alla cittadina di Multia. Accoglienza in casa privata

Venerdì 5

Multia – Vehkomaki. 6 ore, 250 m in salita, 200 m in discesa

Sabato 6

Vehkomaki – Sarhalinnan. 6 ore, 250 m in salita, 200 m in discesa

Domenica 7

Sarhalinnan – Kiiskilänmäen – Sarhalinnan. 6 ore, 150 m in salita, 250 m in discesa

Lunedì 8

Sarhalinnan – Kulhanvuori. 5 ore, 200 m in salita e in discesa

Martedì 9

Kulhanvuori – Palsankoski. 6 ore, 200 m in salita e in discesa

Mercoledì 10

Palsankoski – Multia. 4 ore, 200 m in salita, 150 m in discesa. Festa finale per la celebrazione, alla tipica maniera finlandese, del Juhannus, la notte di San Giovanni

Giovedì 11

In mattinata, partenza con bus fino a Helsinki

Altre informazioni utili

Notti: sistemazione in brandine e/o letti con sacco a pelo e materassino in cottage e nelle strutture delle comunità che incontreremo. Questo è un viaggio pensato per vivere appieno la ruralità di questa terra, lontano quindi da rotte turistiche. Un giorno sosteremo in una struttura senza acqua potabile e prenderemo l’acqua direttamente da un pozzo per fare la sauna e per chi vorrà la doccia.

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico, sacco a pelo, materassino, repellente naturale specifico per le zanzare. Alla richiesta di perfezionamento della prenotazione, riceverete l’elenco delle cose da mettere nello zaino.

A seconda della temperatura e della ventilazione può essere forte la presenza dei “mosquitos”, le zanzare tipiche di queste latitudini. Se siete sensibili alle punture di insetto è consigliabile pensare all’acquisto di una reticella coprivolto, per i popoli del nord sono molto comuni. Cercate sui motori di ricerca: “Smidge, rete anti-moscerini”. Con pochi euro la comprate.

Nota sui sacchi a pelo.
In questo viaggio occorre un buon sacco a pelo, perché di notte può far freddo. Siccome molte ditte sono poco serie nell’autocertificazione delle temperature, non è quello il metro per valutare un sacco a pelo. Non credete alle frottole di chi vi dice che con un sacco a pelo di 500 grammi si può star caldi! Il peso del sacco a pelo è direttamente proporzionale al suo potere calorico! Si consiglia caldamente un sacco a pelo in piumino, con percentuale di piumino almeno 80/20. Valutare attentamente il peso del piumino interno, è l’altra variabile fondamentale: consigliamo almeno 500 g di piumino (che corrisponde a un peso totale di 1,2 kg), meglio ancora se 600 g di piumino. I materiali sintetici sono a oggi meno caldi e affidabili del piumino, quindi dovrete avere un peso superiore per avere caldo.
Se volete consigli anche sui nomi delle marche, ecco una pagina di Luca Gianotti dedicata ai consigli.

A seconda della temperatura e della ventilazione può essere forte la presenza dei “mosquitos”, le zanzare tipiche di queste latitudini. Se siete sensibili alle punture di insetto è consigliabile pensare all’acquisto di una reticella coprivolto, per i popoli del nord sono molto comuni. Cercate sui motori di ricerca: “Smidge, rete anti-moscerini”. Con pochi euro la comprate.

Ritrovo: mercoledì 3 giugno ore 18.00 a Helsinki, nell’ostello che sarà indicato
Rientro: giovedì 11 giugno, ritorno a Helsinki per ora di pranzo circa. Si raccomanda di non prenotare il volo di ritorno prima delle ore 16

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 285 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2020).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 178 Finlandia: infiniti giorni d’estate. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.