I nostri viaggi

0 posti

Reset password

Avventure del Gufo Gigi: la pietra magica e i segreti del bosco

Nel Parco nazionale dell’Appennino tosco emiliano sulle tracce del Sentiero Spallanzani.

Quattro giorni nel cuore dell’Appennino reggiano, il suo Parco nazionale, le faggete selvagge, la valle dei gessi e la pietra calcarea più singolare d’Europa.

Insieme agli amici asinelli che portano i bagagli, un’esperienza di viaggio, un’avventura ricca di emozioni e di relazioni.

Un’avventura itinerante dove troveremo una sorpresa a ogni passo; ci sono antiche mulattiere che ricalchiamo con il passo lento, pietre dalle memorie ancora oggi vive, piccoli borghi dove ancora la sincerità di una vita a contatto con i mestieri del bosco crea un passaggio condiviso in cui i camminatori sono i benvenuti. Ci sono crinali selvaggi ricchi di erba che si spettina al vento e panorami immensi sulle valli sottostanti.

Entreremo nelle curiosità nascoste della valle dei gessi, grotte, doline e pareti bianche in un biotopo unico in cui la traccia del Triassico evidenzia sommovimenti ed esplosioni della terra. Trasformazioni che oggi possono essere toccate con mano, come la dolina più grande di tutte "il Tanone della Gaggiolina" in cui vivere un emozionante viaggio al centro della terra fino ad arrivare alla Pietra di Bismantova, la grande tavolozza piatta che svetta su tutto l’Appennino, una montagna unica e magica; un luogo imperdibile! Pareti verticali a strapiombo che colorano di calcareo la zona, in contrasto con le pareti bianche dei gessi e il verde dei prati intorno.

Questo viaggio è davvero un’emozione profonda, un cammino avventura in cui i bambini possono liberare lo spirito selvaggio; corse in mezzo a prati di erba alta, giochi nel fiume, esplorazione di caverne e grandi castagni secolari nelle cui cavità si nascondono folletti e altri esseri magici del bosco. Ogni tappa del viaggio attraversa formazioni geologiche particolari in cui la ricerca e la raccolta di minerali diverte e appassiona; la calcite, la pirite, i gessi friabili, le quarziti bianche e nere e tanto altro.

Cammineremo su ampi tratti del Sentiero Spallanzani, un percorso che ricalca le gesta scientifiche dell’illustre scienziato reggiano. Il Sentiero Spallanzani, ideato da Luca Gianotti nel 1987, è uno dei Cammini ante litteram, oggi percorso da numerosi camminatori che seguono tutto il tracciato che inizia nella città di Reggio Emilia e dopo sette giorni di cammino raggiunge San Pellegrino in Alpe.

Compagnia dei Bambini

La logistica prevede pernottamenti in tenda per assaporare lo spirito più profondo e selvaggio di queste terre silenziose e per creare un’esperienza più a contatto con la natura. I pasti sono sempre forniti da strutture a fianco dei posti tappa.

I viaggi della Compagnia dei Bambini sono viaggi a piedi pensati per famiglie con bambini e per bambini/ragazzi senza genitori. Questo viaggio è organizzato con gli asinelli e condotto da Massimo Montanari, magico asinaro poeta che sa parlare il linguaggio dei bambini quando li accompagna sui sentieri insieme ai genitori. Massimo sa come trasformare un viaggio a piedi in un’esperienza indimenticabile, come dice lui "un andare avanti dove il camminare è un crescere, dove il passo lento a fianco dell’asino amico è un esplorare i cieli della narrativa del paesaggio, dove il linguaggio delle immagini si mischia all’avventura dell’assaporare le radici di una terra bagnata dall’acqua e di un cielo lì a portata di braccio...".
Per maggiori dettagli potete visitare il sito della Compagnia dei Bambini.

Programma

Giovedì 28

Preparazione asini e inizio del viaggio a piedi. Dal borgo di Cerrè Sologno percorriamo un’antica mulattiera che si snoda nel versante alto della valle dell’Ozola, passeggiamo in boschi di castagno dove incontriamo i metati (antichi essicatoi) e le prime faggete. Il sentiero avanza con saliscendi in aree selvagge e poco abitate e raggiunge Casalino, piccolo borgo arroccato sotto l’imponente mole del Monte Cusna. Il paese ci ospita nell’agriturismo 25 della nostra amica Emilia.
8 km, 3 ore di cammino, dislivello in salita 300 m

Venerdì 29

Percorriamo un tratto panoramico del Sentiero Spallanzani che dal borgo di Casalino avanza pianeggiante verso il paese di Montecagno tra zone agricole, pascoli d’altura e antiche mulattiere. Si entra poi nella parte più selvaggia della tappa contornando i pendii del Monte Remondatino e si sale sul crinale con panorami sulla Pietra di Bismantova e la Valle dei gessi.
Entriamo nella vallata del rio Sologno e tra boschi e passaggi avventurosi raggiungiamo il paese di Sologno, detto anche il paese del sole per la sua invidiabile posizione; ma Sologno è anche il paese degli asini: in questo luogo anticamente vi erano le stazioni di sosta lungo le vie del sale per il rifornimento degli animali.
Campo base nella bellissima area della baita isolata tra i boschi, una serata indimenticabile sotto le stelle.
11 km, 4 ore di cammino, dislivello in salita 400 m

Sabato 30

Giornate dei gessi e delle doline. Un itinerario di grande valore naturalistico con la scoperta del Monte Cafaggio e le sue quarziti gessose, la conca dei caprioli e le mulattiere delle fornaci, dove gli abitanti di Sologno andavano a cuocere i mattoni.
Proseguiamo per la discesa nella Valle del Secchia sul sentiero dei gessi tra affioramenti di enormi sassi bianchi e le famose piramidi scavate dall’acqua (i kerren). Il sentiero prosegue raggiungendo la cavità del Tanone della Gaggiolina, scenderemo nell’abisso enorme che fa da anticamera all’inghiottitoio del cunicolo, esploreremo la parte sicura e facile del Tanone. Un’esperienza speleologica adatta a tutti. Scenderemo al fiume Secchia ammirando le bianche pareti tagliate del Monte Rosso e risaliremo sul sentiero che ci accompagna in salita all’agriturismo Ginepreto nei dintorni dell’imponente mole della Pietra di Bismantova.
12 km, 4 ore di cammino, dislivello in salita 400 m

Domenica 1

La giornata della Pietra! Risaliamo i dolci pendii erbati del crinale di Ginepreto, la vista spazia su tutto l’Appennino e davanti a noi si avvicina l’impressionante sagoma della signora delle montagne: la Pietra di Bismantova. Arriviamo sotto la parete e iniziamo il giro ad anello percorrendo una comoda mulattiera che ci porta sulla sommità. Ampi prati sono da contorno al pranzo finale. Nel pomeriggio rientro a Ginepreto e recupero automezzi.
8 km, 3h30 di cammino, dislivello in salita 300 m

Altre informazioni utili

Difficoltà: cammini leggeri (Compagnia dei Bambini)

Notti: in tenda

Difficoltà: cammini leggeri (Compagnia dei Bambini)

Età: dai 6 anni

Ritrovo: giovedì 28 giugno dalle ore 13
Rientro: domenica 1 luglio, le iniziative finiscono alle ore 16

Cosa portare: sacco a pelo, materassino, tenda, vestiti comodi: tuta da ginnastica, t-shirt, intimo di ricambio, scarpe da ginnastica e scarponcini, ciabatte, accappatoio per doccia, giacca per la sera tipo pile o simili, giacca a vento, non lesinare sull’abbigliamento pesante. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare.

Notti: alloggeremo in tenda a fianco delle strutture che forniscono la cena e la colazione. L’organizzazione mette a disposizione tende a noleggio.

Partecipanti: nei viaggi della Compagnia dei Bambini, i gruppi possono raggiungere i 20 partecipanti o un po’ di più, per permettere di accogliere più famiglie.

Scarica la scheda dettagliata, in versione stampabile

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo la conferma telefonica per verificare la disponibilità di posti, inviare 160 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2018).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 675 Avventure del Gufo Gigi: la pietra magica e i segreti del bosco. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.