I nostri viaggi

0 posti

Reset password

Il cammino di Escher

Da Castel San Vincenzo a Sulmona.

“Non conosco piacere più grande che vagare su colline e valli, di villaggio in villaggio, sentire gli effetti della natura incontaminata e godersi l’inatteso e l’inaspettato, in grande contrasto con la vita di casa”.

Otto giorni a piedi sulle orme di Escher, il celebre incisore e grafico olandese che fra il 1928 e il 1935 intraprese tre viaggi fra Abruzzo e Molise di cui ci ha lasciato numerose opere. Viaggi che hanno molto influenzato la sua vita e il suo lavoro di artista, tanto che i paesaggi dell’Appennino abruzzese e molisano li ritroviamo nei lavori che lo hanno reso celebre nel mondo.

Un cammino dedicato al paesaggio: a distanza di quasi novant’anni sarà l’occasione per ritrovare i luoghi che hanno ispirato l’artista olandese e per riflettere sulle eventuali trasformazioni che il paesaggio ha subito. Un cammino dedicato alle arti visive e alla bellezza, perché anche altri fra pittori e fotografi hanno frequentato queste valli. Fra essi ricordiamo il mitico pittore eremita Charles Moulin che elesse Le Mainarde molisane a casa propria, o il celebre fotografo Cartier Bresson che ritrasse il paesaggio e le tradizioni di Scanno.

Il nostro viaggio avrà inizio dalla celebre abbazia benedettina di Castel San Vincenzo, una delle poche testimonianze del periodo carolingio (VIII secolo), in cui potremo ammirare gli straordinari affreschi della cripta dell’abate Epifanio, aperti al pubblico solo di recente.

Un viaggio in luoghi dal paesaggio naturale unico: il Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, la Riserva delle Gole del Sagittario e le pendici del Parco regionale del Velino-Sirente. Si cammina 6/7 ore al giorno. Si dorme in piccoli alberghi a gestione familiare, nella foresteria di un convento, in agriturismi o in piccoli appartamenti in centro storico sul modello dell’albergo diffuso. Si mangia la caratteristica cucina molisana e abruzzese, accompagnata da un buon bicchiere di vino Montepulciano d’Abruzzo.

Programma

Sabato 8

Ritrovo a Castel di Sangro alle ore 15, breve trasferimento in bus fino a Castel San Vincenzo, visita dell’Abbazia e della cripta dell’Abate Epifanio, pernottamento in convento benedettino

Domenica 9

Castel San Vincenzo – Alfedena, 6 ore, dislivello: 600 m in salita e 250 m in discesa

Lunedì 10

Alfedena – Villetta Barrea, 5 ore, dislivello: 400 m in salita e 300 m in discesa

Martedì 11

Villetta Barrea – Pescasseroli, 5 ore, dislivello: 650 m in salita e 450 m in discesa

Mercoledì 12

Breve trasferimento in bus. Villetta Barrea – Scanno, 7 ore, dislivello: 750 m in salita e 700 m in discesa

Giovedì 13

Scanno – Anversa degli Abruzzo, 7 ore, dislivello: 600 m in salita e 1.000 m in discesa

Venerdì 14

Anversa degli Abruzzi – Goriano Sicoli, 5 ore, dislivello: 600 m in salita e 300 m in discesa. Trasferimento in bus a Sulmona e visita della città

Sabato 15

Colazione e partenza

Altre informazioni utili

Ritrovo: sabato 8 giugno ritrovo a Castel di Sangro ore 15

Rientro: sabato 15 giugno con bus o treno da Sulmona

Come arrivare al punto di ritrovo: a Castel di Sangro si può arrivare in auto o in bus da Napoli, da Pescara e da Roma stazione Tiburtina (via Sulmona).

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare.

Notti: si dorme in agriturismi, in albergo, in b&b, in un convento benedettino in camere con 2/3/4 o più letti

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 235 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2019).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 861 Il cammino di Escher. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.