I nostri viaggi

0 posti

Reset password

Il respiro leggero dell’Abruzzo

Il cammino ripercorre una parte dei tratturi della transumanza - le "vie d’erba", un tempo battute da decine di migliaia di pecore - in territori di grandi altopiani e incantevoli paesi medievali, seguendo le suggestioni di scrittori passati e moderni, tra i quali Dacia Maraini, autrice di un’antologia che dà il titolo al viaggio: Il respiro leggero dell’Abruzzo – Scrittori famosi raccontano le terre abruzzesi. E il cammino passerà a Campo Imperatore proprio nel giorno della "mena delle pecore", ovvero la tradizionale fiera che si svolge ogni anno a Fonte Vetica e che richiama centinaia di allevatori con le loro migliaia di pecore, tenute a bada dai fedeli cani pastori abruzzesi.

Lungo il cammino incontreremo persone che rappresentano la ricchezza dei paesi in cui vivono: ci faremo raccontare la storia del Museo Diffuso di Castel del Monte, l’avventura di un’azienda familiare che coltiva lenticchie speciali, l’avventura nel "nuovo mondo" e il "ritorno a casa" raccontato dalle immagini di un’emigrante.

Un cammino sempre avvolgente e diverso, passo dopo passo. Dormiremo in piccole strutture e mangeremo in trattorie semplici, buone e genuine.

Punto di ritrovo a L’Aquila, dove esploreremo una parte del centro storico tornato a vivere; scenderemo poi nella Valle del Vasto e successivamente dal grandioso pianoro di Campo Imperatore, dopo aver assistito alla fiera delle pecore, raggiungeremo Castel del Monte, paese dei poeti pastori. Da Castel del Monte toccheremo due antichi e affascinanti paesi: Calascio con la sua spettacolare Rocca (set cinematografico di Lady Hawke) e Santo Stefano di Sessanio, un tempo possedimento della famiglia dei Medici di Firenze a segnarne l’importanza economica. Discenderemo poi nella Media Valle dell’Aterno, cammineremo accanto a delle spettacolari doline, dai locali chiamate "volcani", e giungeremo a un antico convento che sorge su uno sperone roccioso e ricorda la zona delle Meteore greche. Arriveremo a Ocre e da lì rientreremo infine all’Aquila con lo spettacolare arrivo alla Basilica di Collemaggio, un tempo luogo di adunata degli armenti prima della grande transumanza.

La viaggiatrice Corinna ci racconta il suo Respiro d’Abruzzo qui:
Il respiro leggero dell’Abruzzo… il mio respiro… il mio Abruzzo!

Programma

Venerdì 3

Ritrovo alla stazione ferroviaria FS dell’Aquila alle ore 17, incontro con la guida, passeggiata nel centro storico e sistemazione

Sabato 4

Dall’Aquila ad Assergi, dislivello: 400 m in salita, 200 m in discesa, 6 ore di cammino

Domenica 5

Trasferimento con mezzo privato a Campo Imperatore. Da Campo Imperatore a Castel del Monte, dislivello: 150 m in salita, 250 m in discesa, 6h30 di cammino

Lunedì 6

Da Castel del Monte a Rocca Calascio, dislivello: 400 m in salita, 250 m in discesa, 5 ore

Martedì 7

Da Rocca Calascio a Santo Stefano di Sessanio: 100 m in salita, 450 m in discesa, 4 ore

Mercoledì 8

Da Santo Stefano di Sessanio a Sant’Eusanio Forconese: 150 m in salita, 600 m in discesa, 6 ore

Giovedì 9

Cammino ad anello con zaino alleggerito, da Sant’Eusanio Forconese a Monticchio: 450 m in salita, 450 m in discesa, 5h30 di cammino

Venerdì 10

Trasferimento da Sant’Eusanio Forconese a Monticchio in bus di linea. Da Monticchio all’Aquila: 50 m in salita, 50 m in discesa, 3h30 di cammino. Saluti e partenza

Altre informazioni utili

Ritrovo: incontro con la guida venerdì 3 agosto ore 17 - nel piazzale antistante la stazione ferroviaria FS dell’Aquila (raggiungibile con taxi, bus locali e a piedi in pochi minuti dalle principali fermate dei pullman)
Rientro: al piazzale di Collemaggio dell’Aquila entro le ore 13 di venerdì 10 agosto e successivo autobus di linea per raggiungere la stazione ferroviaria.
Come arrivare al luogo di ritrovo:
L’Aquila è raggiungibile con servizio pullman da Roma/Pescara (Arpa), e Ancona/Napoli (Roma Marche Linee); in auto tramite Autostrada A24 – casello L’Aquila Ovest; rete ferroviaria FS Terni/Rieti/Sulmona. Il piazzale della stazione ferroviaria FS è raggiungibile in pochi minuti con bus locali dalle principali fermate dei pullman di linea (chiedere all’autista).

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos soprattutto per le calze, zaino ergonomico. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare.

Notti: bed & breakfast, rifugi, camerate, con servizi anche comuni. Può capitare di dover condividere il letto matrimoniale.

Consigli di lettura:

  • Dacia Maraini, Il respiro leggero dell’Abruzzo. Scrittori famosi raccontano le terre abruzzesi, Casa Editrice Ianieri, 2003
  • Luca Gianotti, La spirale della memoria, Edizioni dei Cammini 2015

Scarica la scheda dettagliata, in versione stampabile

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo la conferma telefonica per verificare la disponibilità di posti, inviare 220 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2018).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 691 Il respiro leggero dell’Abruzzo. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.