I nostri viaggi

14 posti

Reset password

Devero, sui sentieri dell’Alpe

Terra di contrabbandieri e cercatori di cristalli, poi di partigiani e di malgari, dove i sentieri raccontano storie e memorie. Incorniciato da severe montagne pungenti, è circondato da laghi verdi e celesti e da foreste dal sottobosco così incantato, tra muschi e mirtilli, che ci mancano solo i folletti... e chissà che invece non si scorga anche una lince, qui tornata timidamente da qualche anno!
Le case dell’alpe, tipicamente Walser, e gli alpeggi in pietra, così come i curatissimi prati da sfalcio, custodiscono un’arte antica, ancora tramandata di generazione in generazione.

Un esempio di turismo sostenibile e rispettoso, accessibile a tutti e amato da molti, che vede nell’ospitalità diffusa, nelle arti tradizionali e nell’eccezionalità dei prodotti di montagna – come formaggi d’alpeggio, mirtilli e miele – i suoi punti forti. Un luogo prezioso che oggi è minacciato dal progetto di un grande comprensorio sciistico di massa: saranno proprio gli abitanti a spiegarci, con spirito forte e deciso – non a caso è qui che è nata la Libera Repubblica dell’Ossola –, le motivazioni per cui questo non deve avvenire.

Cinque giorni di cammino per conoscere davvero l’Alpe Devero, in quel Piemonte remoto che è quasi Svizzera. Lo faremo a fine estate, quando la montagna è solo per noi e diventa silenzio, calma, grandi spazi e suoni lenti e lontani. Un viaggio per chi si avvicina o si riavvicina alla montagna, per rilassarsi e per respirare il profumo fresco di settembre. Camminate semplici e con lo zainetto leggero, cene e notti in un accogliente rifugio a 1.600 m di quota, affacciato su panorami mozzafiato.

Programma

Lunedì 9

Arrivo a Baceno e trasferimento in pulmino all’Alpe Devero

Martedì 10

Giro del Lago Devero. 4h30, 300 m in salita e in discesa, 12 km

Mercoledì 11

Laghi del Sangiatto. 3 ore, 450 m in salita e in discesa, 7 km

Giovedì 12

Alpe di Valdeserta. 4 ore, 550 m in salita e in discesa, 13 km

Venerdì 13

Alpe Misanco e Monte Cazzola. 5 ore, 700 m in salita e in discesa, 10 km

Sabato 14

Alpeggio della Valle e Alpeggio Naga. 5h30, 650 m in salita e in discesa, 14 km

Domenica 15

Rientro a Baceno e partenza per casa

Altre informazioni utili

Ritrovo: lunedì 9 settembre alle 13.20 (pranzo al sacco) a Baceno
Rientro: domenica 15 settembre con pulmino a Baceno, dove arriveremo intorno all’ora di pranzo

Come arrivare al luogo di ritrovo: a Baceno si arriva in corriera da Domodossola (Autoservizzi Comazzi), Domodossola è raggiungibile in treno, è possibile arrivare anche in auto, parcheggio a Baceno o direttamente all’Alpe Devero a pagamento.

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare.

Notti: si dorme in un rifugio del CAI in un’unica camerata tutti assieme, sono necessarie le lenzuola o il sacco lenzuolo. È un rifugio con pochi bagni e un’unica doccia, ma è una delle prime strutture ricettive dell’Alpe e ci si respira dentro tutta la storia alpinistica ed escursionistica del Devero, vale quindi la pena sopportare i piccoli disagi.

Film e documentari: 40 giorni di libertà, L. Castellani; Il raduno sciistico sociale dell’Alpe Devero e La pattuglia del Passo San Giacomo, E. Olmi; Devero Alpe fiorita, M. Fantin
Guide e libri: R. Armelloni, Guida dei Monti d’Italia – Alpi Lepontine, CAI-TCI; P. Crosa Lenz, G. Frangioni, Alpe Devero. Escursioni, storia, natura, Ed. Grossi; A. Antonietti, Flora del Verbano Cusio Ossola, Provincia del VCO; P. Bologna, P.A. Ragozza, La “Repubblica” dell’Ossola, Grossi; G. Bocca, Una Repubblica Partigiana, Il Saggiatore

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 210 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2019).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 912 Devero, sui sentieri dell’Alpe. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.