I nostri viaggi

0 posti

Reset password

Capraia, l’isola gioiello

Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.

Se è vero, come è vero, che l’Arcipelago toscano è nato dalla collana di Afrodite, caduta in mare alla dea capricciosa, Capraia ne è sicuramente la gemma più splendente. Lontana dalle rotte consuete del turismo, irta di rocce e immersa nel profumo salmastro della tamerice e della macchia mediterranea, la piccola isola è un luogo davvero magico, dove la natura selvaggia e aspra è ingentilita dal moto spumoso e paziente del mare. Capraia è l’unica isola di origine vulcanica dell’Arcipelago, e le rocce nere e rosse, che punteggiano qua e là le sue coste, ne sono un segno ancor vivo. Sarà un paesaggio unico e sorprendente quello che scopriremo, un passo dietro l’altro, muovendoci sui suoi sentieri. Un paesaggio lussureggiante e insieme quieto, disegnato dalla storia recente, dai percorsi dei pastori e delle capre che la abitavano, e da una memoria antica, che affonda le sue radici nel mito, nella grazia scostante di Afrodite, nel fluire delle antiche lave.

Percorreremo in lungo e in largo i venti chilometri quadrati dell’isola, camminando con lentezza e prendendoci il tempo di guardare attorno, di cercare nella linea azzurra del mare le sagome della Corsica, dell’Elba e della Gorgona, di respirarne gli odori, di immergerci nelle sue acque spumeggianti. Dormiremo nell’unico centro abitato di Capraia, da dove partiranno le nostre passeggiate.

È un trekking con itinerari giornalieri a stella, quindi tutte le passeggiate verranno effettuate con zainetto leggero, affidandoci completamente al piacere di muoverci e di scoprire gli angoli più affascinanti di questa isola piccola e preziosa.

Programma

Domenica 7

Sistemazione negli appartamenti e piccolo bagno di benvenuto alla Cala la Grotta

Lunedì 8

Paese – Cala del Ceppo – Il Reganico – Cala dello Zurletto. 4 km, 200 m in salita e in discesa, 4 ore

Martedì 9

Paese – Colonia Penale – Punta della Teglia. 6 km, 500 m in salita e in discesa, 6 ore

Mercoledì 10

Paese – Lo Stagnone – M. delle Penne – Colonia Penale 7 km, 400 m in salita e in discesa, 6 ore

Giovedì 11

Paese – Il Piano – Punta della Zenobito. 7 km, 450 m in salita e in discesa, 6 ore

Venerdì 12

Paese – Punta del Dattero – Porto Vecchio. 6 km, 300 m in salita e in discesa, 5 ore

Sabato 13

Traghetto

Altre informazioni utili

A Luca sta a cuore sottolineare, anche se forse non ce n’è bisogno, che i suoi sono viaggi in cui non importa molto l’allenamento o la “performance”, ma conta piuttosto il desiderio di stare insieme, di condividere luoghi ed esperienze con spirito di adattamento, allegria e rilassatezza.

Ritrovo: domenica 7 aprile a Capraia Porto all’arrivo del primo traghetto da Livorno della giornata (di solito è uno unico)
Rientro: sabato 13 aprile con il traghetto per Livorno
Come arrivare al luogo di ritrovo: Livorno si raggiunge facilmente sia in treno che in auto, dal porto partono i traghetti per Capraia Porto con le linee Toremar

Il territorio dell’isola è selvaggio e i sentieri e le vecchie mulattiere militari sono a tratti impegnativi, per cui si consiglia di allenarsi prima di partire.

Cosa portare: scarponi da trekking alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare.

Notti: si dormirà in un palazzo storico dove condivideremo piccoli appartamenti da 4/6 posti con bagno e alcuni angoli cottura per la colazione

Capraia è una piccola isola sperduta in mezzo al Mar Tirreno, più vicina alla Corsica che a Livorno. Non ha un vero e proprio porto ma solo un approdo, per cui c’è la possibilità che con il mare molto mosso e vento di Grecale, cioè da nord-est, il traghetto abbia difficoltà ad attraccare e debba tornare indietro. Ma si tratta di un rischio assai remoto, che si realizza raramente anche nei mesi di pieno inverno.

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 220 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2019).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 824 Capraia, l’isola gioiello. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.