I nostri viaggi

11 posti

Ognissanti

Reset password

Pantelleria: mare, dammusi e passito

Pantelleria, o Benth-el-Rhià - la terza delle isole minori siciliane, poco distante dalla Tunisia - è una terra isolata, bella, palpitante, quasi completamente votata all’agricoltura in ambiente estremo.

Da sempre i panteschi hanno dovuto sudare sette camicie per piegare una terra che non si prestava a essere coltivata. Non potendo sottomettere i venti, hanno persino modificato il portamento delle piante facendole crescere in orizzontale!
Quanta fatica, pazienza e amore… Queste sono doti indispensabili per comprendere e sentirsi a proprio agio in una terra tanto dura e aspra quanto bella e generosa.

Vi proponiamo sei giorni a piedi, a zonzo per l’isola sui sentieri della Montagna Grande, di monte Gibele, fino al lago di Venere e poi giù verso la costa alla scoperta delle più nascoste calette; il tutto accompagnato da sorsi di zibibbo, immancabili dolci… e un mare cristallino.

È un trekking a stella, si partirà sempre da Bugeber, piccolo borgo agricolo sopra il lago di Venere e si noleggerà un pulmino indispensabile per alcuni spostamenti.

Programma

Sabato 26

Ritrovo a Pantelleria e sistemazione a Bugeber, breve passeggiata al lago di Venere

Domenica 27

Bugeber – Kamma fuori – punta Spadillo – laghetto delle Ondine – Bugeber (10 km, dislivello max 150 m)

Lunedì 28

Bugeber – cuddia Randazzo – passo Kherch – Grotta del bagno asciutto – Sibà alta – Bugeber (15 km, dislivello max 300 m)

Martedì 29

Bugeber – montagna Grande (836 m) – discesa a Sibà – ritorno a Bugeber (12 km, dislivello max 650 m)

Mercoledì 30

Rekale – piana della Ghirlanda – Testa dell’elefante (7 km, dislivello max 200 m)

Giovedì 31

Bugeber – Cuddia Randazzo – Passo Kerch – Ghirlanda – Balata dei Turchi (16 km, dislivello max 200 m)

Venerdì 1

Percorso ad anello sulla colata lavica del Monte Gelfiser (8 km, dislivello 150 m in salita e in discesa). Nel pomeriggio, gita in barca.

Sabato 2

Partenza per il rientro

N.B.: Le condizioni del mare potrebbero modificare il programma.

Altre informazioni utili

Notti: affittacamere (camere da 2-3 letti), tipici Dammusi panteschi (camere da 2-3-4 letti)

Ritrovo: sabato 26 ottobre, contattare la guida Nanni, informandolo dell’ora di arrivo, per essere prelevati all’aeroporto
Rientro: sabato 2 novembre partenza per il rientro

Come arrivare a Pantelleria: con aereo o Traghetto SIREMAR - Tirrenia
Tempo di navigazione 5h30 ogni giorno della settimana, partenza dal Porto di Trapani alle ore 23.59

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, maschera e pinne, zaino comodo che contenga il tutto. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 240 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2019).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 939 Pantelleria: mare, dammusi e passito. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.