I nostri viaggi

14 posti

Festa della Repubblica

Reset password

Majella, la montagna Madre

La Majella è un luogo carico di energie forti: non a caso, dopo il Tibet, ha la più alta concentrazione di luoghi sacri al mondo. Sei giorni di trekking da L’Aquila a Bocca di Valle: una prima parte suggestiva per il valore storico del paesaggio (il tratturo magno, l’antica Peltuinum i capolavori romanici di Bominaco e S. Clemente, i caratteristici paesini abruzzesi, la vita dei pastori); poi si entra nel nuovo Parco Nazionale della Majella, dove predominano i boschi, i torrenti e la natura in generale, e la suggestione della “Montagna Madre”, (come tradizionalmente viene chiamata la Majella), ci colpirà grazie agli eremi, (S. Bartolomeo, Santo Spirito), dove sosteremo per un attimo di contemplazione o per una notte.

Si mangia la miglior cucina abruzzese e si beve Montepulciano.

Programma

Sabato 1

Ritrovo a L’Aquila ore 16, trasferimento a S. Demetrio

Domenica 2

San Demetrio – Caporciano. 5h, dislivello in salita 500 m, in discesa 400 m

Lunedì 3

Caporciano – Capestrano. 5h, dislivello in salita 350 m, in discesa 450 m

Martedì 4

Capestrano – Corvara. 4h, dislivello in salita 700 m, in discesa 300 m

Mercoledì 5

Corvara – San Valentino in Abruzzo Citeriore. 8h, in salita 300 m, in discesa 700 m

Giovedì 6

Trasferimento in bus – Caramanico – Valle dell’Orfento – Eremo San Bartolomeo – Decontra. 6h, dislivello in salita 800 m, in discesa 200 m

Venerdì 7

Decontra – Bocca di Valle: 7h30, dislivello in salita 750  me in discesa 1.200 m

Sabato 8

Rientro con pulmino privato a San Demetrio e poi all’Aquila in mattinata

Altre informazioni utili

Luca ci tiene a precisare che i suoi sono viaggi in cui è molto importante avere una buona motivazione, voglia di condivisione e spirito di adattamento.

Ritrovo: sabato 1 giugno ritrovo a L’Aquila (stazione autolinee) ore 16
Rientro: sabato 8 giugno con pulmino privato a San Demetrio e poi all’Aquila in mattinata (ore 11 circa)

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico. Dopo la conferma della partenza, riceverete le note di viaggio e l’elenco delle cose da portare.

Notti: si dorme in aziende agrituristiche, in alberghi e in un convento, in camere con 2/3/4 letti, quindi occorre adattarsi quando la sistemazione è meno confortevole (le quadruple o un letto matrimoniale da condividere toccano a tutti, almeno una volta)

Come arrivare al luogo di ritrovo: a L’Aquila si può arrivare in auto, treno o in corriera da Roma, dalla stazione Tiburtina (pullman ogni ora).

Per approfondire:
Un bell’articolo sul prossimo cammino in Maiella

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 240 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2019).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 854 Majella, la montagna Madre. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.