I nostri viaggi

12 posti

Novità

Reset password

La Via del mare

Un’antica e affascinante via del sale, particolarmente suggestiva, che, alta sulle creste dei monti, percorre il confine fra tre regioni, collegando la pianura alla costa, dalle colline dell’Oltrepo Pavese al mare di Golfo Paradiso.
Quasi 100 chilometri di mulattiere e vie di crinale spiccano tra intrecci di sentieri, sui quali nacquero fortezze, chiese, abitati, castelli e hospitali per supportare le lunghe carovane di muli, di uomini e di aspirazioni. Mercanti, pellegrini, taglialegna, pastori, emigranti, partigiani: un viaggio tra millenni, identità e tradizioni... nonché tra gastronomia e natura vigorosa.

Da Varzi, tipico borgo medievale dominato dal Castello dei Malaspina e zona libera durante la Resistenza partigiana, ci immergeremo nei boschi selvaggi seguendo una linea di monti e colli che ci porterà verso sud, tra dorsali ondulate, panorami, pascoli e faggete.
Attraverseremo il Parco naturale dell’Antola, superando il Monte Carmo e l’importante crocevia del Monte Antola (dove la vista spazia dalla Corsica al Monte Rosa) e scenderemo verso gli abitati di Torriglia – marchesato e poi principato dei Doria e dei Fieschi, nonché prima Repubblica partigiana della Liguria –, Uscio, abitato già nel Neolitico, paese di costruttori di orologi da campanile famosi in tutta Italia e degli sprenaggi misteriosi, nascosti nel bosco, e poi Ruta di Camogli, da cui si entra nel Parco naturale di Portofino raggiungendo il mare.

È una tra le vie di crinale più belle, questa che da Varzi corre fino al promontorio di Portofino: cammineremo sempre in vista dell’orizzonte, per poi, finalmente, tuffarci nelle acque cristalline di San Fruttuoso!

Programma

Martedì 9

Ritrovo a Varzi ore 18, preparazione e pernotto

Mercoledì 10

Varzi – Capanne di Cosola. 7 ore, 20 km, 1.400 m in salita, 400 m in discesa

Giovedì 11

Capanne di Cosola – Torriglia. 5h30, 16 km, 700 m in salita, 750 m in discesa

Venerdì 12

Torriglia – Uscio. 6 ore, 18 km, 400 m in salita, 1.200 m in discesa

Sabato 13

Uscio – San Fruttuoso. 7 ore, 20 km, 600 m in salita, 1.100 m in discesa

Domenica 14

San Fruttuoso – Camogli. Circa 3 ore, 8 km, 250 m in salita, 250 m in discesa

Altre informazioni utili

Ritrovo: martedì 9 giugno ore 18 a Varzi
Rientro: domenica 14 giugno dalle ore 15 in poi, da Camogli
Come arrivare al luogo di ritrovo: Varzi è comodamente raggiungibile in treno (linea Milano-Genova) fino alla stazione di Voghera, da cui si prosegue in autobus di linea per Varzi. In auto: da Voghera si risale la Valle Staffora fino a Varzi, da Piacenza si segue la SS45 fino a Bobbio, dove si gira a destra per il passo del Penice e Varzi.

Notti: rifugio, agriturismo, b&b, ostello, sistemazioni in camerate, in stanze doppie/triple/quadruple

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico, sacco lenzuolo. Alla richiesta di perfezionamento della prenotazione, riceverete l’elenco delle cose da mettere nello zaino.

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 210 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2020).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 057 La Via del mare. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.