I nostri viaggi

14 posti

Prenota

Prenota

Novità

Reset password

La Via della Lana e della Seta, da Bologna a Prato

Cammino d’autore: con Ori, musicista.

Un viaggio alla scoperta dell’Appennino tosco-emiliano, di territori ancora selvaggi, costellati di piccoli borghi, antiche pievi, montagne pregne di storia umana e naturale. L’itinerario unisce due città storicamente impegnate nella produzione di filati e tessuti, entrambe sostenute da grandi opere di ingegneria idraulica tutt’oggi funzionanti, che hanno permesso il fiorire della produzione della seta a Bologna e dell’industria tessile di Prato.

Guida:
Anita Constantini
Cammino d’autore con:
Ori, musicista

Dalla fontana di Nettuno del Giambologna, nel centro di Bologna, il Cammino segue i canali che alimentavano centinaia di mulini per i filatoi della città fino alla Chiusa del Reno. Si incontrano le tracce degli antichi romani, il cui ingegno vive tutt’ora nelle evidenze dell’acquedotto e nel buon vino dei colli bolognesi, il Pignoletto.
Salendo lungo i sentieri di Monte Sole si attraversa quella zona della linea gotica che nella Seconda Guerra Mondiale è stata drammaticamente colpita. È la stessa terra che ha ispirato i colori e paesaggi silenziosi del pittore Giorgio Morandi, a cui è stato intitolato il paese delle sue villeggiature.
Il sentiero si snoda in un susseguirsi di vette e crinali, boschi e ampie distese di pascoli anticamente contesi tra grandi famiglie feudali: una terra ancora oggi di confine, come si percepisce nella parlata che diventa toscana.
Oggi le comunità appenniniche lavorano in sinergia per la valorizzazione dei patrimoni culturali e ambientali, e questo Cammino ne è il frutto. Si incontra un’ospitalità semplice e curata, una genuina cucina casalinga che nasce dai sapori della montagna. Dal punto più alto del Cammino, la Calvana, dove pascolano mandrie di cavalli allo stato brado, lo sguardo abbraccia tutta la Toscana.
Si scende infine a valle per entrare a Prato seguendo il fiume Bisenzio che alimentava gli opifici dell’industria tessile. Una città operosa e da sempre via di transito e di incontro, anche per i pellegrini che andavano verso Roma. Il viaggio si conclude con una camminata verso il centro storico per poi salutarsi davanti al Duomo.

Cammino d’autore

Questo viaggio ha un valore in più, perché nel gruppo ci sarà anche un’artista vera, cantautrice e chitarrista classica, il suo nome d’arte è Ori, si chiama Maria Vittoria Jedlowski, questo il suo sito internet. Ha pubblicato alcuni CD di musica classica, e due bellissimi CD di canzoni da lei scritte.
Durante il cammino, che effettuerà con la chitarra sullo zaino, da vera pellegrina, Ori allieterà il gruppo con piccoli concerti o durante le pause o alla sera, sul tema “Il Viaggio: cosa lasciare, cosa portare”. Piccole perle, la formula è già stata sperimentata in magici viaggi in Sardegna, in Abruzzo, sulla Via Francigena e in Salento.

Programma

Domenica 2

Ritrovo a Bologna in Piazza Maggiore, ore 9.30.
Bologna – Sasso Marconi. 5 ore, 17 km, 250 m in salita, 250 m in discesa

Lunedì 3

Sasso Marconi – Monte Termine. 5 ore, 16 km, 750 m in salita, 350 m in discesa

Martedì 4

Monte Termine – Burzanella. 5h30, 17 km, 750 m in salita, 650 m in discesa

Mercoledì 5

Burzanella – Montepiano. 7h30, 21 km, 1.200 m in salita, 1.000 m in discesa

Giovedì 6

Montepiano – Montecuccoli. 4h30, 12,5 km, 400 m in salita, 600 m in discesa

Venerdì 7

Montecuccoli – Canneto. 6 ore, 19 km, 550 m in salita, 900 m in discesa

Sabato 8

Canneto – Prato. 2 ore, 7 km. Arrivo alle ore 11.30

Altre informazioni utili

Notti: agriturismi, b&b e alberghi con sistemazioni in stanze doppie / triple / quadruple

Ritrovo: domenica 2 ottobre alle ore 9.30 a Bologna in Piazza Maggiore, davanti alla Fontana del Nettuno
Rientro: sabato 8 ottobre alle ore 11.30 alla stazione centrale di Prato
Come arrivare al luogo di ritrovo: in treno a Bologna Centrale

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico. Alla richiesta di perfezionamento della prenotazione, riceverete l’elenco delle cose da mettere nello zaino.

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 240 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2022).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 529 La Via della Lana e della Seta, da Bologna a Prato. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.