Blog

Libri

[LETTURE] Storia del camminare

Ecco una buona notizia per tutti i camminatori! Il libro di Rebecca Solnit “Storia del camminare”, uscito la prima volta in italiano per Bruno Mondadori nel 2002, era da tempo introvabile, per il fallimento di quella casa editrice. Ora Ponte alle Grazie ha fatto la cosa giusta: ha ripubblicato l’opera “Wanderlust. A history of walking”, uno di quei libri che non potete non leggere, se amate il camminare. Intanto, chi è Rebecca Solnit? Una giornalista, o meglio, una intellettuale che si occupa di argomenti diversi, sempre con visione profonda e controcorrente. Californiana, cultura di sinistra, tra gli altri suoi testi ricordo “Speranza nel buio. Guida per cambiare il mondo” e “Un paradiso all’inferno”.

Quando uscì nel 2002, per noi giovani camminatori fu una grande scoperta. Ci fece capire che il camminare non era una attività da relegare nella sfera del tempo libero, il camminare era un gesto importante dal punto di vista filosofico, sociale e politico.

Ecco l’inizio del libro:

“Da dove si comincia? I muscoli si tendono. Una gamba è il pilastro che sostiene il corpo eretto tra cielo e terra. L’altra, un pendolo che oscilla da dietro. Il tallone tocca terra. Tutto il peso del corpo rolla in avanti sull’avampiede. L’alluce prende il largo, ed ecco, il peso del corpo, in delicato equilibrio, si sposta di nuovo. Le gambe si danno il cambio. Si parte con un passo, poi un altro e un altro ancora che, sommandosi come lievi colpi su un tamburo, formano un ritmo: il ritmo del camminare. La cosa più ovvia e più oscura del mondo è questo camminare, che si smarrisce così facilmente nella religione, la filosofia, il paesaggio, la politica urbana, l’anatomia, l’allegoria e il crepacuore”.

Per 450 pagine la Solnit ci offre un approfondimento colto, che spazia dalla storia alla filosofia, dalla politica all’arte, da Wordsworth a Kierkegaard, da Thoreau a Martin Luther King e Gandhi, dal perché l’uomo è diventato bipede alla storia dell’alpinismo.
Secondo Rebecca Solnit il valore del camminare è la lentezza, lei sostiene che la mente, come i piedi, lavori alla velocità di circa 4 chilometri all’ora. Per cui la vita moderna è troppo accelerata, e l’uomo deve rallentare. La storia del camminare della Solnit ci parla di tempo, dello spazio e della coscienza del mondo, attraverso il semplice gesto di mettere un piede avanti all’altro.
Questo bel saggio non può mancare nelle biblioteche di tutti i camminatori!
(Luca Gianotti)

Rebecca Solnit – “Storia del camminare”, Ponte alle Grazie 2018 – 19,50 euro