I nostri viaggi

14 posti

Prenota

Prenota

Ognissanti

Reset password

Karpathos, isola senza tempo

Kàrpathos è una linea di roccia tra Creta e Rodi che presta il fianco al meltemi, un vento che sferza l’isola quasi tutto l’anno. Gli alberi trovano un compromesso piegando la propria chioma (ardua la sfida di trovare un busto davvero dritto), mentre gli uomini lo intrappolano in una vela, sia essa di barca o di mulino. Kàrpathos è ancora così, nonostante la modernità: vive di elementi antichi, terra, vento, mare e sole.

Lasciandosi subito alle spalle il porto principale, Pigadia, il cammino punta al nord dell’isola e oltre, dove la realtà rurale dei paesini lungo l’itinerario sembra cristallizzata, affezionata a ritmi lenti. Mesochori, “il paese a metà strada” tra il nord e il sud dell’isola, Òlympos, anima e custode di ogni tradizione, Avlona, fondovalle da cui provengono tutti gli ortaggi della cucina locale, Vrokunda e le tracce di tempi antichi narrati da Strabone. Con un mare clemente ci si può spingere ancora oltre, a Sarìa, un’isola poco oltre Trìstomo, oggi del tutto disabitata, ma regno di una manciata di pastori fino agli anni Settanta del secolo scorso.

Kàrpathos ha imparato nei secoli a cavarsela da sola, poiché in balìa del vento e del mare, non poteva sempre contare su aiuti esterni. Offre quindi ciò che ha e lo combina con la lira, con la tsambuna (zampogna), cantando mandinadhes (serenate) e iniziando a ballare in cerchio.

Quel cerchio gira in modo antiorario, rallenta o ferma del tutto le lancette: se a Kàrpathos continua a intravedersi qualcosa di autentico, è proprio frutto di questa cadenzata sfida al tempo.

Programma

Ore di cammino effettive, soste escluse

Sabato 29

Ritrovo ore 16 a Pigadia

Domenica 30

Trasferimento in taxi/minibus a Lastos.
Lastos – Mesochori. 7 ore, 15 km, 500 m in salita, 800 m in discesa.

Lunedì 31

Trasferimento in taxi/minibus a Spoa.
Spoa – Òlympos. 7 ore, 16 km, 600 m in salita

Martedì 1

Òlympos – Vroukunda – Avlona. 6 ore, 12 km, 400 m in salita, 300 m in discesa

Mercoledì 2

Avlona – Trìstomo. 6 ore, 10 km, 200 m in salita, 500 m in discesa

Giovedì 3

Isola di Sarìa (trasferimento in barca). 6 ore, 13 km, 300 m in salita, 300 m in discesa

Venerdì 4

Diafani – Papa Minàs. 4 ore, 9 km, 250 m in salita, 250 m in discesa

Sabato 5

Trasferimento da Pigadia all’aeroporto

Altre informazioni utili

Ritrovo: sabato 29 ottobre, alle ore 16 a Pigadia
Rientro: sabato 5 novembre, dopo la colazione a Pigadia
Come arrivare al luogo di ritrovo: si può raggiungere Atene e poi cambiare per Karpathos con Olympic Air, oppure raggiungere direttamente Rodi e poi traghetto verso Pigadia

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico. Alla richiesta di perfezionamento della prenotazione, riceverete l’elenco delle cose da mettere nello zaino.

Notti: presso studios, b&b, casa privata

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 250 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2022).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 545 Karpathos, isola senza tempo. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.