I nostri viaggi

0 posti

Novità

Reset password

La traversata di Corfù

Isole ionie della Grecia.

Un’isola di grandezza modesta, la cui forma sembra richiamare il nostro stivale. Eppure Corfù (Kèrkira, in greco) è grande abbastanza per essere un luogo scelto dalla mitologia e dalla storia come teatro sin dall’antichità e dove, in epoca più recente, le superpotenze europee hanno lasciato il segno: terra di Alcinoo, causa della Guerra del Peloponneso tra Atene e Sparta, terra che accolse i profughi cretesi in fuga dai turchi, avamposto commerciale veneziano, illusione napoleonica e restaurazione inglese. A Corfù c’è tutta l’Europa, a volte dietro un piatto, altre lungo un portico. Anzi, lungo i sentieri di Corfù non è facile capire dove finisca l’Italia e dove inizi la Grecia. Corfù è un continuo riconoscersi e straniarsi, Corfù è Mediterraneo.
Per conoscere quest’isola bisogna però anche mettersi il mare alle spalle e farsi connessione tra i suoi due poli, Kavos, la baia più a sud, e il Monte Pantokrator, la vetta più a nord. Lungo la via c’è l’autentica quotidianità corfiota di Lefkimmi e la laguna di Korissìon, separata dal mare da una stretta via di sabbia, mentre la costa occidentale ha un fianco fatto di falesie, minuscole spiagge, grotte e i villaggi più caratteristici dell’intera Corfù. Da lì la vetta è sempre più a portata di mano e le chiesette sparse lungo il sentiero costellano il percorso.
Si attraversa quindi l’isola intera per tornare al punto di partenza, luogo adatto a misurare le aspettative che precedevano il cammino con i ricordi appena fissati e congedarsi da quest’antico e moderno porto del Mediterraneo.

Programma

Ore di cammino effettive, soste escluse

Venerdì 17

Ritrovo a Corfù città, trasferimento a Kavos

Sabato 18

Kavos – Lefkimmi. 6 ore, 18 km, 400 m in salita, 400 m in discesa

Domenica 19

Lefkimmi – Ajos Gheorghios Sud. 5 ore, 17 km, 300 m in salita, 300 m in discesa

Lunedì 20

Ajos Gheorghios Sud – Ajos Mattheos. 6 ore, 17 km, 100 m in salita, 100 m in discesa

Martedì 21

Ajos Mattheos – Liapades. 6 ore, 18 km, 600 m in salita, 300 m in discesa

Mercoledì 22

Liapades – Ajos Gheorghios Nord. 6 ore, 16 km, 700 m in salita, 800 m in discesa

Giovedì 23

Spartilas – Kaminaki. 7 ore, 20 km, 800 m in salita, 1.100 m in discesa

Venerdì 24

Città di Corfù. 2 ore, 5 km, 100 m in salita, 100 m in discesa

Sabato 25

Colazione, volo di rientro

Altre informazioni utili

 ! Le date sono cambiate rispetto al catalogo stampato.

Notti: b&b, ostelli, sistemazioni in camerate, in stanze doppie / triple / quadruple

Ritrovo: venerdì 17 giugno, ore 16, Corfù città
Rientro: venerdì 24 giugno si pernotta a Corfù città, quindi al mattino successivo del 25 giugno, ognuno sarà libero di raggiungere l’aeroporto in base al proprio volo

Come arrivare al luogo di ritrovo: dall’aeroporto a Corfù città, il taxi costa circa 12 euro, quindi è consigliabile fare delle coppie in aeroporto e farsi lasciare al punto di ritrovo

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico. Alla richiesta di perfezionamento della prenotazione, riceverete l’elenco delle cose da mettere nello zaino.

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 260 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2022).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 464 La traversata di Corfù. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.