Valle d'Aosta

Svallicando – Alla ricerca del Passo Perduto

Letture e passi fra Italia e Francia.

Valichi dimenticati fra Italia e Francia. Cammino e letture. Passi perduti nelle storie della Savoia. Soldati napoleonici e piemontesi. Contrabbandieri di sale e riso, partigiani francesi e truppe nazifasciste. Com’era lo sguardo dei giovani repubblichini dalla caserma a quota 2.500? E quella dei partigiani francesi asserragliati 200 metri più in alto nella baracca del Cap. Mathieu? E le mani che hanno posato i reticolati su tutto il filo di cresta del confine, dal 1700 al 1944?

Claudio Ansaloni
4 – 10 agosto 2024
7 giorni / 6 notti
6
posti disponibili
prenota

Descrizione cammino

Cammineremo tra paesaggi mozzafiato, laghi solitari, storie di uomini e natura meravigliosa. Una Valle d’Aosta meno conosciuta, con le sue tradizioni, in cammino anche su percorsi fuori sentiero. Sarà un viaggio a piedi sul bordo della frontiera alla ricerca degli sguardi antichi e moderni su valli selvagge e ruscelli mormoranti.
Cammineremo e leggeremo le pagine dei libri a noi più cari immersi nella storia di quelle montagne a cavallo del confine. È un cammino letterario, ogni partecipante è invitato a portare una pagina, un capitolo, un libro, una poesia, una canzone che ritenga di valore, che meriti di essere condivisa con gli altri.

Dormiremo e mangeremo nei rifugi di montagna, con pranzi al sacco.
Il programma potrebbe subire variazioni in funzione della sicurezza a discrezione della guida.

NB: Se sai suonare uno strumento leggero (armonica, flauto, ecc), portalo con te.

Programma

Ore di cammino effettive, soste escluse

Domenica 4 / Ritrovo
Ritrovo ad Aosta alle 11.00, piazzale stazione FS (puntuali). Trasferimento in bus ad Arpy. Sistemazione nelle camere ed escursione ad anello alla zona delle miniere. Ci sono due possibilità a discrezione della guida in base al tempo. 2/6 ore, 100/400 m in salita, 100/400 m in discesa

Lunedì 5 / Giornata Arcobaleno
Trasferimento a La Tuille, 5 ore di cammino, 1.000 m in salita, 50 m in discesa

Martedì 6 / Giornata dei Riflessi
6 ore di cammino, 400 m in salita, 900 m in discesa

Mercoledì 7 / Giornata Francese
4 ore di cammino, 500 m in salita, 500 m in discesa

Giovedì 8 / Giornata dei Contrabbandieri
7/9 ore di cammino, 1.300 m in salita, 1.000 m in discesa. Tratti di cammino fuori sentiero

Venerdì 9 / Giornata della Diga
7 ore di cammino, 800 m in salita, 700 m in discesa

Sabato 10 / Rientro
2 ore di cammino, 50 m in salita, 750 m in discesa. Dal luogo del pernottamento raggiungeremo il paese dove si prenderanno i mezzi per il rientro ad Aosta

Altre informazioni utili

Notti: in rifugio, stanze multiple (portate tappi per le orecchie)

Cosa portare: ottimi scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia, impermeabili (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico, sacco lenzuolo. Alla richiesta di perfezionamento della prenotazione, riceverete l’elenco delle cose da mettere nello zaino.

Ritrovo: ad Aosta domenica 4 agosto ore 11.00 piazzale stazione FS (puntuali). Chi pensa di venire in auto contattare la guida in anticipo per parcheggiare per tempo l’auto (parcheggio funivia per Pila). Trasferimento in bus ad Arpy alla partenza del viaggio. Attenzione chi volesse arrivare un giorno prima, la guida vi fornirà indicazioni e indirizzi di alloggio e vitto ad Aosta.

Rientro: sabato 10 agosto da Valgrisenche a mezzogiorno con piccolo bus di linea; in 1 ora e mezza, trasferimento ad Aosta stazione FS (salvo cambiamento orari bus) altrimenti con pulmino privato

Come arrivare al luogo di ritrovo: treni e bus

  • treno Torino – Aosta con cambio a Ivrea (il più comodo e con più corse) / treno Milano – Aosta con cambio a Chivasso. Vedi sito Ferrovie dello Stato
  • bus della ditta Sadem Torino – S. Vincent Casinò oppure meglio Torino – Pont S. Martin (consigliata)
  • cambio Bus della ditta Arriva per la tratta Pont S. Martin – Aosta (che passa anche per Saint-Vincent Casinò)

Da Milano c’è un comodo bus che parte dalla stazione Garibaldi.
Consiglio di consultare gli orari Flixbus.

Periodo: dal 4 al 10 agosto 2024

Durata: 7 giorni / 6 notti

Difficoltà: 4 orme

Ore di cammino giornaliere: 5 - 8

Quota: 240,00 €
Comprende guida e organizzazione

Altre spese previste (cassa comune): 330,00 € ca.
Per pernottamenti, cene, prime colazioni e trasferimenti (da non inviare ma da portare con sé). I pranzi al sacco sono esclusi dalla cassa comune e sono a carico dei partecipanti

Nota: in questo periodo di inflazione, i prezzi devono considerarsi puramente indicativi perché soggetti ad aumenti imprevisti. La guida si impegna a dare un’idea più vicina possibile alla spesa effettiva, ma non possiamo garantire la precisione.

Pasti: pranzi al sacco, cene in rifugio

Tipo di viaggio
Itinerante

Tipo di zaino
Zaino completo per tutto il viaggio

Punti forti

  • Panorami maestosi tra le vette più alte d’Europa
  • Sentieri silenziosi accanto a cascate e laghetti glaciali
  • Racconti suggestivi, tradizioni locali, letture condivise

È bene sapere che
In alta montagna il tempo è più variabile, si può passare dal sole alla neve, anche ad agosto. Ci potrebbero essere alcuni passaggi esposti.

Note

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 240,00 € (+ 20 € se non avete la tessera per il 2024).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT68M0501812101000017245945, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 892 Svallicando – Alla ricerca del Passo Perduto. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Telefono cellulare: se avete la necessità di averlo con voi sappiate che condizione necessaria per partecipare al viaggio è tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino comprese le soste. Se utilizzate il cellulare per fare le foto vi chiediamo di utilizzare la modalità aereo in modo da consentirvi comunque di rimanere sconnessi. Se volete lasciare a casa il telefono, quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.