I nostri viaggi

0 posti

Reset password

Il Cammino Materano

VIAGGIO ANNULLATO PER COVID.

Un cammino che parte dalla basilica di San Nicola a Bari e raggiunge Matera, nel 2019 Capitale europea della cultura ed esempio di un nuovo rinascimento del Mediterraneo.
Otto giorni lungo la Via Pauceta, nel cuore della Puglia più vera che poi si fa Basilicata, attraversando un territorio in gran parte incontaminato in cui si respira a ogni passo il legame con i miti, le tradizioni e i rituali antichi, grazie anche ai racconti diretti delle genti che qui hanno fatto dell’accoglienza il proprio tratto distintivo.

Da Bari, dopo una visita serale della città, ci porteremo alla volta di Bitetto, dove avrà inizio il nostro cammino per proseguire, attraverso distese di mandorli in fiore e ulivi millenari, tra i più antichi di Puglia, verso Cassano delle Murge, un tempo crocevia di sosta che collegava l’antica Via Traiana con la Via Appia.
Continueremo alla volta di Santeramo in Colle, attraversando la Foresta di Mecadante, parte integrante del Parco dell’Alta Murgia, fino ad Altamura, città eletta per Federico II di Svevia. Raggiungeremo poi la bellissima Gravina di Puglia, che conserva integre le tracce della sovrapposizione di civiltà e insediamenti, dalla preistoria ai nostri giorni, che hanno assunto via via forme e caratteristiche adatte a un ambiente carsico così speciale.
Si prosegue attraversando l’area boschiva Difesa Grande in direzione di Picciano, antico santuario ancora meta di pellegrinaggio e un tempo luogo di insediamento templare e arrivare così alla nostra ultima tappa, Matera, terra di antica miseria e antico dolore, oggi esempio di rinascimento per un Sud in cerca di riscatto. Qui vivremo una delle più belle ricostruzioni della Passione di Cristo, la Via Crucis di Gesù che si avvia alla crocifissione sul Golgota, narrata tra i punti più suggestivi dei Rioni dei Sassi di Matera.

Un cammino ricco di storia e storie da raccontare dunque, ma anche di sapori tipici della cucina locale, di profumi e di colori, attraversando uno dei territori carsici più aspri d’Italia, la Murgia: muretti che si allineano, pietre calcaree intorno, a volte allineate e a volte lasciate lì dove sono sempre state. “Questa è la Murgia più aspra e più sassosa; per ridurla a coltivazione facendo le terrazze (…) non ci voleva meno della laboriosità di un popolo di formiche; terra desolata contro cui gli uomini son soli a lottare in mezzo a mille difficoltà”, così scriveva Tommaso Fiore nel tentativo di dare immagine alle condizioni disumane dei contadini che popolavano quei territori. Ma anche luogo di brigantaggio, “eccesso di eroica follia, di ferocia disperata (usando le parole di Carlo Levi) nei confronti di uno Stato che arrivando dal nord era ritenuto invasore, in difesa, senza ragione e senza speranza, della libertà e della vita dei contadini”.

“Nel mondo dei contadini non si entra senza una chiave di magia”
Carlo Levi

Programma

Sabato 4

Ritrovo a Bari, ore 17.00, visita centro storico

Domenica 5

Trasferimento a Bitetto. Bitetto – Cassano delle Murge. 6 ore, 23 km, 300 m in salita, 100 m in discesa

Lunedì 6

Cassano delle Murge – Sant’Eramo in Colle. 6 ore, 22 km, 400 m in salita, 250 m in discesa

Martedì 7

Sant’Eramo in Colle – Altamura. 6 ore, 24 km, 300 m in salita, 300 m in discesa

Mercoledì 8

Altamura – Gravina in Puglia. 5 ore, 20 km, 500 m in salita, 300 m in discesa

Giovedì 9

Gravina in Puglia – Picciano. 7 ore, 24 km, 500 m in salita, 450 m in discesa

Venerdì 10

Picciano – Matera. 7 ore, 24 km, 550 m in salita, 600 m in discesa. Visita dei Sassi e partecipazione alla Via Crucis tra le antiche vie della città vecchia

Sabato 11

Rientro

Altre informazioni utili

Notti: case private, agriturismo, b&b, ostelli, conventi. Le sistemazioni potrebbero essere in camerate, in stanze doppie/triple/quadruple. È possibile che si condividano letti matrimoniali.

Ritrovo: a Bari, sabato 4 aprile ore 17.00 (si richiede la massima puntualità). Ritrovo nella struttura dove si dorme, che verrà comunicata dalla guida prima della partenza. Si raggiunge la città con aerei della compagnia Ryanair da vari aeroporti italiani. In alternativa il Freccia Bianca di Trenitalia collega Bari con Bologna e Milano.

Rientro: sabato 11 aprile dalla prima mattinata, con orario a discrezione del singolo viaggiatore a seconda dei mezzi di rientro. Da Matera si potrà proseguire con bus delle FS o Italobus verso Salerno, da cui partiranno i treni per tutti i luoghi. In alternativa Bari è servita dalla F.A.L. (Ferrovia a Scartamento Ridotto), 60 km in tempi che vanno dai 60 ai 90 minuti. Vi sono anche servizi in autobus (consulta Flixibus, Marinobus).

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico. Alla richiesta di perfezionamento della prenotazione, riceverete l’elenco delle cose da mettere nello zaino.

Letture consigliate: Carlo Levi, Cristo si è fermato a Eboli, Einaudi – Vito Errico, Il vento caldo delle Murge, Europa Edizioni 2015.

Filmografia consigliata: Il Vangelo secondo Matteo, di Pierpaolo Pasolini, 1968.

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 240 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2020).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT46B0501812101000011354545, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 020 Il Cammino Materano. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.