Basilicata

La Via dei calanchi: da Matera ad Aliano

Un cammino che percorre gli antichi tratturi di una terra ancora oggi poco conosciuta, a volte aspra, ma sempre accogliente e ricca di sfumature, contraddizioni e magia. Si incontrano paesi e borghi che in lontananza appaiono minuti, ma sono il fulcro di antichi riti collettivi popolari che ancora oggi sopravvivono: le transumanze, le maschere e le danze che richiamano credenze antiche, i canti e gli strumenti rudimentali che alleviavano le fatiche quotidiane dei contadini di allora e ancora di quelli odierni.

Micha Calà
19 – 26 aprile 2024
7 giorni / 7 notti
9
posti disponibili
prenota

Descrizione cammino

Questo incontro con le narrazioni di questa parte di terra lucana - poeti, teatranti, musici e custodi di antiche storie - sarà uno dei punti cardine del nostro cammino.

Dalle gravine di Matera, meravigliosa capitale della Lucania, ci incammineremo verso Miglionico e il suo Castello del Malconsiglio, teatro di congiura contro Ferdinando I, per poi proseguire in direzione di Pomarico, antico borgo tra le valli dei fiumi Bradano e Basento.
Meta successiva sarà Ferrandina, dal carattere burbero e allo stesso tempo gentile, forse ereditato da Carmine Crocco che qui fece della Basilicata uno dei principali epicentri del brigantaggio postunitario, per proseguire poi in direzione del borgo fantasma di Craco. Da qui si prosegue verso Stigliano e il suo antico centro posto a circa 1.000 metri sul livello del mare.

Il cammino si conclude il 25 aprile, Festa della Liberazione, ad Aliano, terra di esilio per lo scrittore, pittore e libero pensatore Carlo Levi che descrisse nelle sue opere l’isolamento spaziale e temporale di questi luoghi e li dipinse su tela con cura, nel lucido sforzo di comprenderli nella loro diversità dalle città del nord.

Un cammino di immersione nello spirito più autentico e genuino di un Sud accogliente, generoso e pieno di speranza; un cammino da percorrere con un messaggio in tasca, da lasciare come dono a una terra che in poesia si racconta;

«Il vento mi fascia di sottilissimi nastri d’argento e là, nell’ombra delle nubi sperduto giace in frantumi un paesetto lucano.»
Lucania, di Rocco Scotellaro

Programma

Ore di cammino effettive, soste escluse

Venerdì 19 / Ritrovo
Ritrovo a Matera, visita dei Sassi e pernottamento

Sabato 20 / Matera – Miglionico
7 ore di cammino, 24 km, 600 m in salita, 400 m in discesa

Domenica 21 / Miglionico – Pomarico
6 ore di cammino, 20 km, 450 m in salita, 400 m in discesa

Lunedì 22 / Pomarico – Ferrandina
6 ore di cammino, 20 km, 600 m in salita, 600 m in discesa

Martedì 23 / Ferrandina – Craco
7 ore di cammino, 24 km, 500 m in salita, 500 m in discesa

Mercoledì 24 / Craco – Stigliano
8 ore di cammino, 27 km, 900 m in salita, 450 m in discesa

Giovedì 25 / Stigliano – Aliano
8 ore di cammino, 27 km, 700 m in salita, 750 m in discesa

Venerdì 26 / Rientro
Rientro a Matera

Altre informazioni utili

Notti: case private, agriturismo, b&b, ostelli, conventi. Le sistemazioni potrebbero essere in camerate, in stanze doppie / triple / quadruple. Si richiede una buona capacità di adattamento e condivisione degli spazi.

Ritrovo: a Matera, venerdì 19 aprile ore 17.30 (si richiede la massima puntualità)

Rientro: venerdì 26 aprile dalla prima mattinata, con orario a discrezione del singolo viaggiatore a seconda dei mezzi di rientro. Da Aliano si potrà proseguire in autobus verso Matera o verso Potenza, e da lì prendere il Freccialink per Salerno, da dove partono numerosi treni veloci.

Come arrivare al luogo di ritrovo: si raggiunge Matera in treno, con Freccialink da Salerno, che è collegata con un Frecciarossa al giorno con Milano, Bologna, Firenze, Roma. In alternativa si può arrivare da Bari, collegata con le Frecce di Trenitalia con Bologna, Roma, Firenze e Milano e con gli aerei di Ryanair da vari aeroporti italiani.

Cosa portare: scarponi da trekking collaudati e alti alla caviglia (consigliati di pelle), abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino ergonomico. Alla richiesta di perfezionamento della prenotazione, riceverete l’elenco delle cose da mettere nello zaino.

Festa della liberazione

Periodo: dal 19 al 26 aprile 2024

Durata: 7 giorni / 7 notti

Difficoltà: 3 orme

Ore di cammino giornaliere: 6-7

Quota: 280,00 €
Comprende guida e organizzazione

Altre spese previste (cassa comune): 360,00 € ca.
Pernottamenti, cene, prime colazioni e trasferimenti sul posto. I pranzi al sacco sono esclusi dalla cassa comune e sono a carico dei partecipanti

Nota: in questo periodo di inflazione, i prezzi devono considerarsi puramente indicativi perché soggetti ad aumenti imprevisti. La guida si impegna a dare un’idea più vicina possibile alla spesa effettiva, ma non possiamo garantire la precisione.

Pasti: pranzi al sacco, cene in trattorie locali oppure nelle strutture in cui si alloggia

Tipo di viaggio
Itinerante

Tipo di zaino
Zaino completo per tutto il viaggio

Punti forti

  • L’incontro con poeti, teatranti e contastorie
  • Gli antichi tratturi ritrovati
  • Craco, borgo fantasma

È bene sapere che
Il cammino si svolge prevalentemente su vecchi tratturi, strade bianche, sentieri e asfalto. Ogni tappa percorre gli ultimi chilometri su ripide salite che conducono al borgo di arrivo

Note

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo aver ricevuto conferma dalla segreteria sulla disponibilità e l’avvenuta iscrizione, inviare 280,00 € (+ 20 € se non avete la tessera per il 2024).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT68M0501812101000017245945, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 834 La Via dei calanchi: da Matera ad Aliano. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Telefono cellulare: se avete la necessità di averlo con voi sappiate che condizione necessaria per partecipare al viaggio è tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino comprese le soste. Se utilizzate il cellulare per fare le foto vi chiediamo di utilizzare la modalità aereo in modo da consentirvi comunque di rimanere sconnessi. Se volete lasciare a casa il telefono, quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.